I diversi modi per portare i bambini

Diversi sono i supporti adatti a portare il proprio bambino in posizione davanti (pancia a pancia), di fianco, dietro (schiena). Qualsiasi sia il supporto utilizzato, importante è accertarsi che il posizionamento del bambino sia corretto e ciò si ha quando:
- Il corpo del bambino aderisce perfettamente con quello del portatore
- Quando viene rispettata la curvatura naturale della schiena e la fisiologica divaricazione delle gambe
- Quando il baricentro del portatore è allineato/inferiore al sederino del bambino
- Quando la testa è adeguatamente sorretta

FASCIA ELASTICA

È un supporto molto versatile, permette di portare in tutte e tre le posizioni del babywearing, dalla nascita e per tutto il percorso.
È una striscia di stoffa lunga circa 5 metri e alta tra i 45 e 70 centimetri. Può essere 100% cotone o avere una percentuale di elastan al suo interno.
Viene utilizzata solo per il pancia a pancia e sorregge ottimamente un peso fino ai 6/7 kg. È la fascia che viene consigliata per i neonatini e i prematuri in quanto molto morbida e avvolgente. È facile da usare e per questo è particolarmente indicata per le neomamme.

FASCIA RIGIDA

È un telo di stoffa rettangolare o a forma di parallelogramma e la lunghezza varia dai 220 ai 570 centimetri. Alta circa 70 centimetri.
La lunghezza viene suddivisa in taglie: le taglie corte, 2/3/4 consentono un numero di legature ridotte, le taglie 7/8 sono indicate per corporature over, mentre una taglia 6 offre la possibilità di effettuare tutte le legature e di adattarsi sia alla fisicità della mamma che del papà se di corporatura media.

La fascia rigida può essere di vari materiali: 100% cotone o tessuti misti, lana, bamboo, lino, canapa, seta...
Inoltre, le fasce rigide hanno anche diversità di grammatura (peso del tessuto per metro quadrato) e si dividono in:
- Bassa 170 – 210 g/mq
- Media 220 – 250 g/mq
- Alta 260 – 280 g/mq
- Molto alta oltre i 285 g/mq

Per neonati o mamme neofite si consiglia si scegliere fasce in cotone o bamboo ottime in estate e di grammatura bassa in quanto sono più maneggevoli e meno spesse.

MARSUPIO ERGONOMICO STRUTTURATO

Questo tipo di supporto è sconsigliato dalla nascita in quanto presuppone caratteristiche che un neonato non possiede. Può essere indicativamente valutato quando l’altezza del bambino è almeno di 62/65 centimetri e mai sotto i 6 kg di peso. Inoltre, bisogna osservare che la muscolatura della schiena sia sufficientemente forte in modo da evitare che si insacchi all’interno del marsupio, e che ci sia anche un buon sostegno del capo.
Per essere considerato ergonomico le caratteristiche di ergonomicità devono essere tutte rispettate:
È composto da tre parti: pannello, fascia ventrale e fasce superiori o spallacci.
- Deve rispettare la fisiologica divaricazione delle gambe e andare da incavo del ginocchio destro a incavo del ginocchio sinistro
- il pannello non deve forzare la curvatura della schiena
- adattamenti interni per neonati sono sconsigliati
- fascia ventrale e spallacci sono regolabili e imbottiti
- alcuni modelli hanno il pannello regolabile in altezza e/o ampiezza

MEI TAI

È un supporto di origine cinese, un marsupio non strutturato.
È composto da pannello e da 4 fasce; due superiori dette anche spallacci, due inferiori dette anche ventrali.
Anche in questo caso il pannello centrale può essere regolabile in altezza e/o ampiezza.
Il mei tai consente di portare davanti e dietro, ma non è consigliato dalla nascita. Essendoci varie dimensioni in commercio questo supporto può essere utilizzato anche prima del marsupio ergonomico, ma è sempre necessario valutare il singolo bambino.

ONBUHINO

È un supporto di origine giapponese. È composto da un pannello centrale e due fasce superiori come il mei tai, ma la fascia ventrale viene sostituita da due anelli cuciti alle estremità del pannello. Alcuni modelli sostituiscono gli anelli con delle fibbie.
Scarica il peso interamente sulle spalle del portatore, per questo motivo se ne consiglia un uso limitato nel tempo.
La divaricazione delle gambe del bambino è molto ampia, quindi si consiglia di utilizzarlo a partire dai 10/12 mesi di età.

POUCH SLING O TUBOLARE

È un tubo di stoffa alto circa 50 centimetri. È cucita su misura del portatore e non richiede nessun tipo di legatura.
È un supporto laterale e monospalla, per tanto il bambino deve riuscire a stare sufficientemente seduto e avere una buona postura eretta.
Il peso del bambino non viene scaricato uniformemente sulla schiena di chi porta, quindi non è consigliata per un utilizzo prolungato nel tempo.
Si può cucire in monostrato se si scelgono tessuti più spessi, o al contrario se si opta per tessuti più sottili si può realizzare in doppio strato.

RING SLING

Fascia monospalla ad anelli e si utilizza per portare davanti e di fianco, anche sulla schiena per chi è esperto.
È un telo di stoffa lungo circa tra i 170 e i 210 centimetri. Ha due anelli cuciti su una delle due estremità e servono per regolare la tensione della stoffa in legatura.
Si può usare già dalla nascita in posizione pancia a pancia, ma non è un supporto che si consiglia a una mamma neofita in quanto richiede una bona manualità e competenza.

Ti potrebbe interessare anche

Come usare la fascia per neonato
Alcuni benefici del portare in fascia i bambini
Dove comprare la fascia per neonato
Il babywearing è montessoriano?
Fasciare il bambino nelle tradizioni in giro per il mondo
Il Rebozo messicano
Il Kanga africano
Le domande più comuni sul babywearing
Il falso mito dell'indipendenza
10 idee di travestimenti con il proprio bimbo in fascia
Toddlewearing: come portare un bimbo grande
Come portare il bambino con il mei tai nella posizione canguro

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter