Stimolare l'abbronzatura attraverso il cibo: ecco come mangiare

Proteggersi dai raggi UV è una regola imprescindibile e da qui non ci si scappa. Ma se pensate che utilizzare un filtro solare non faccia abbronzare, vi sbagliate. Evitate, quindi, l'associazione "crema solare"="non abbronzarsi" e proteggete sempre la vostra pelle! Si abbronzerà lo stesso, in maniera più sana, graduale e duratura, senza scottature e diminuendo di moltissimo i rischi legati ai raggi UV sulla pelle, che causano melanomi.

Oltre ad utilizzare la crema protettiva solare potete però stimolare l'abbronzatura anche attraverso l'alimentazione: alcuni cibi, infatti, contengono elementi che aiutano ad attivare la melanina, responsabile della tintarella. Altri, invece, intensificano l'abbronzatura intensificandone il colore.

Ecco dunque quali cibi mangiare per abbronzarsi meglio e mantenere la tintarella più a lungo.

Le carote

Sono già conosciute per questa loro funzione, ma non sono l'unico ortaggio che ci fa abbronzare meglio. Ma perché le carote fanno abbronzare? La responsabilità è del betacarotene, che in realtà non aiuta ad attivare la melanina (che viene trasformata dall'organismo in vitamina A), ma ad intensificare il tono, rendendolo più intenso e ambrato. Questa molecola, infatti, quando è assunta in quantità notevoli si accumula nello strato adiposo appena sotto la pelle, donandole quell'aranciato che visivamente rende più intensa la tintarella.

I pomodori

Contengono molta vitamina C e sono stagionali estivi: aiutano la pelle con l'abbronzatura favorendo la sintesi del collagene e mantenendola così elastica e tonica.

I peperoni

Come i pomodori, stimolano la produzione del collagene e grazie al licopene contenuto proteggono dall'azione dei raggi UV (aiutando anche a prevenire le scottature).

I frutti rossi

In generale, la pelle beneficia moltissimo degli antiossidanti contenuti nei frutti rossi ed è quindi utile farne incetta nei mesi estivi, contribuendo ad una pelle sana, tonica ed elastica.

Il tè verde

Per lo stesso motivo (ovvero l'alta presenza di antiossidanti) il tè verde (anche in versione Matcha) è una bevanda perfetta per l'estate e per la tintarella.

Il melone

Anche il melone, arancione come le carote, contiene carotene ed è quindi ideale per intensificare il colore dell'abbronzatura.

Alga spirulina e soia

L'alga spirulina, come la soia, è un alimento che aiuta l'organismo a produrre la melanina a partire dalla tirosina, amminoacido che il corpo sintetizza dalla fenilanina, contenuta solo in certi alimenti. L'alga spirulina e la soia, quindi, sono tra i cibi che stimolano la produzione di melanina. 

Le mandorle

Come tutti i cibi ricchi di Omega3 (e quindi anche il salmone e i semi di lino), le mandorle hanno proprietà antiossidanti e vitamina E e stimolano quindi la rigenerazione dell'epidermide, proteggendola e mantenendola elastica (assicurando così un'abbronzatura uniforme e duratura).

Ti potrebbe interessare anche

Miracoloso su capelli, ciglia e sopracciglia: l'olio di ricino è in trend e noi lo adoriamo
7 consigli per stimolare l'appetito dei bambini che non mangiano
Ecco gli alimenti per supportare lo sviluppo neurologico del tuo bambino
Popcorn in padella, tutti i benefici
La dieta dei gruppi sanguigni per mamme ribelli
Come mangiare bene in smartworking
Il miglio, il cereale dalle mille proprietà
10 domande da porsi prima di scegliere un salone di bellezza
Grigliata vegetariana, l’alternativa al classico barbecue
Il post-isolamento dei bambini, tra alimentazione e movimento
4 motivi per inserire il cocco nella vostra dieta
I programmi di cucina salutare spingono i bambini a mangiare meglio
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg