I problemi della pelle più frequenti in gravidanza

Benedetti ormoni, che ci rendono la chioma meravigliosa e che ci fanno emozionare. Ma maledetti ormoni allo stesso tempo, che ci fanno piangere anche davanti alle pubblicità, che ci fanno provare un senso di nausea per mesi e che ci stravolgono il corpo. Sì, certo, ci dicono che siamo “raggianti”. Ma è sempre così?

In realtà non bisogna vergognarsi a dire che la gravidanza scombussola. E scombussola anche la pelle. E la nostra bellezza. E la nostra autostima. Insomma: non è sempre rose e fiori. E, anzi, l’acqua di rose a volte potrebbe venire in nostro aiuto…

Pelle secca e acne, ad esempio, sono solo alcuni dei problemi cutanei che la gravidanza porta con sé. E sono comuni a molte donne. Ecco perché è bene parlarne! Anche perché, sì, scompariranno dopo il parto. Ma nel frattempo è bene prendersi cura della propria pelle. Cercando sempre di utilizzare prodotti delicati e naturali.

I problemi della pelle più frequenti in gravidanza: dalla pelle secca all’acne, i disturbi cutanei comuni alle donne incinte

Durante la gravidanza, innanzitutto, è normale trovarsi a volte più disidratate. Questo influenza anche la salute della pelle, che potrebbe risultare a tratti molto secca e pruriginosa. In questo caso, solitamente si tratta proprio di pelle secca. Ma se il prurito è molto forte, meglio chiedere consiglio al ginecologo: potrebbe trattarsi del sintomo di una condizione chiamata colestasi gravidica, e in quel caso è necessario fare analisi più approfondite.

Altro problema comune a molte gestanti è la pelle grassa e molto oleosa, che pare fare tornare ai tempi dell’adolescenza. In questo caso da additare come colpevoli sono gli ormoni ballerini! Per contrastarla, puntiamo su una crema idratante leggera e mat, sfruttando anche della cipria quando ci trucchiamo per uscire.

Accanto alla pelle grassa, beh, ovvio: arrivano anche i brufoli e l’acne! Eh già. Proprio come quelli che avevamo a sedici anni. Di nuovo, la colpa è degli ormoni. In questo caso è consigliato sfruttare il potere delle maschere purificanti (come quelle all’argilla rosa), e di utilizzare prodotti delicati che puntino alla purificazione della pelle con azione antinfiammatoria allo stesso tempo.

Anche la pelle opaca può essere un problema riscontrabile in gravidanza, insieme alle occhiaie. Nel primo caso, scegliamo un illuminante con ingredienti naturali per dare un colorito più splendente alla pelle. Nel secondo caso, dovuto al continuo rigirarsi nel letto a causa dei calci del bambino o al non dormire perché troppo scombussolate, dobbiamo cercare di rallentare i ritmi, rilassarci, dormire meglio e bere molta acqua. Affidandoci a qualche buon correttore naturale per coprire quei fastidiosi cerchi neri sotto gli occhi!

Infine, problema comune a molte gestanti sono i capillari e le vene visibili. Durante la gravidanza, infatti, le vene sono molto più visibili e il corpo sembra diventare una cartina stradale! Non è un problema (ma, anzi, è il sintomo del funzionamento della circolazione, che in questo periodo è accentuata!), ma per molte donne può essere un fastidio estetico. In alcune occasioni, quindi, possiamo coprirle con del fondotinta naturale multivitaminico, che copra l’inestetismo e nutra allo stesso tempo la pelle.

Il consiglio, in ogni caso e per ogni situazione cutanea, è quello di comprare creme specifiche in base al proprio disturbo, stando tuttavia attente agli ingredienti. In gravidanza è meglio sempre puntare su ingredienti naturali e delicati, evitando retin-a, idrochinone, formaldeide, diidrossiacetone, perossido di benzoile e acidi salicilici.

Ti potrebbe interessare anche

6 modi per alleviare il mal di schiena in gravidanza
Coronavirus, gravidanza e bambini, il Policlinico di Milano ci aiuta a fare chiarezza
Il perfetto kit per il post-parto
Come passare il tempo nel letto quando la gravidanza è a rischio
Come abbassare il colesterolo in gravidanza
5 modi per connettere con il proprio bambino prima del parto
Come combattere l’ansia in gravidanza dopo un aborto spontaneo
La vescica dopo il parto, perché l’incontinenza non è una vergogna
Olio emudermico, idratazione e sostegno in preparazione al parto
Papà, anche il vostro consumo di alcool influenza la salute del bambino
Il tè in gravidanza, quanto berne e quale preferire
Come riconoscere le contrazioni in gravidanza
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg