Cos’è la leucorrea gravidica

Una parola strana, ma che nasconde semplicemente un fastidio di cui moltissime donne in gravidanza soffrono: la leucorrea gravidica sono le perdite bianche tipiche della gravidanza, che spesso vengono confuse con perdite da infezione. Saperle riconoscere è però importante! Ecco dunque tutto ciò che c’è da sapere sulla leucorrea gravidica.

Cos’è la leucorrea gravidica: come riconoscere le perdite bianche della gravidanza

Le perdite bianche sono un fenomeno che le donne in età fertile vivono continuamente. Durante il ciclo mestruale l’utero che si modifica e gli ormoni in circolo portano infatti ad avere perdite biancastre, che nella maggior parte dei casi si rivelano semplicemente come muco fertile. C’è chi ha più muco e chi meno muco, e quando questo è troppo abbondante o si modifica (a livello di colore e odore) allora significa che c’è in corso un’infezione e una visita dal ginecologo è d’obbligo.

Durante la gravidanza, tuttavia, ci si trova di fronte ad un diverso fenomeno, ovvero la leucorrea gravidica. Ci troviamo di nuovo di fronte a delle perdite bianche vaginali, che rappresentano anche qui una condizione fisiologica della gravidanza. Meglio non “combatterle” tentando di lavarsi di più o facendo lavande vaginali: si rischierebbe di compromettere la flora batterica, rendendo la vagina più attaccabile da parte dei batteri.

Rispetto al normale ciclo mestruale, la leucorrea gravidica può manifestarsi più densa e più abbondante: ecco perché per molte donne in attesa rappresenta un disagio e un fastidio. Tuttavia nella maggior parte dei casi queste perdite sono di nuovo fisiologiche. L’importante è che abbiano un colore dal bianco intenso al quasi trasparente e che siano inodori. Non importano l’intensità e la frequenza: c’è chi le ha più abbondanti e chi più rade, e soprattutto possono essere irregolari.

Queste perdite bianche in gravidanza hanno origine dalla cervice (sono emesse dalle ghiandole del collo dell’utero), sono dovute all’aumento di estrogeni e sono necessarie per lubrificare la vagina, per ammorbidire le pareti degli organi genitali e per favorire la pulizia degli stessi. Se hanno l’aspetto di cui parlavamo non devono dunque assolutamente preoccupare le future mamme, poiché sono un fenomeno assolutamente fisiologico e naturale, che non ha nulla a che vedere con le infezioni vaginali come la vaginosi batterica o la candida.

Nel caso in cui le perdite siano sintomo di altre infezioni, infatti, il colore e la consistenza del muco saranno differenti: nella candidosi, ad esempio, le perdite sono bianche e molto dense (simili a ricotta) e sono accompagnate da prurito e bruciore intimo. Con la vaginosi, invece, le perdite si accompagnano ad un odore forte e sgradevolissimo. In questi casi è necessario rivolgersi al proprio ginecologo, così come nel caso in cui siano presenti striature di sangue nel muco.

La leucorrea gravidica accompagna quindi le donne lungo quasi tutta la gravidanza, ma è bene farvi attenzione in prossimità del parto. Man mano si avvicina la data presunta del parto, infatti, queste perdite biancastre si modificano per consistenza: divengono infatti più liquide, mettendo sull’attenti la gestante, che può iniziare a pensare alla possibilità che si stiano rompendo le acque.

Nelle ultime settimane di gravidanza potrà poi verificarsi la perdita del tappo mucoso: in questo caso sulle mutandine si troverà un grumo denso e filamentoso di muco, ad indicare che l’utero e il corpo si stanno preparando al parto. Anche in questo caso niente paura: solo nel caso in cui il tappo sia striato di sangue è bene contattare il proprio medico, soprattutto prima della trentaseiesima settimana di gestazione.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Come cambia il seno in gravidanza
I dolori al seno in gravidanza
Cosa fare in caso di perdite bianche in gravidanza
L’Omega 3 diminuisce il rischio di parto prematuro
Le fasi del parto naturale
Cerchi un bambino? Comincia ad amare il tuo corpo
Qualche trucchetto per le mamme in attesa
La diastasi addominale dopo il parto
3 consigli per tornare ad avere una pelle tonica dopo la gravidanza
6 cocktail analcolici per mamme in attesa!
Il “prima e dopo” gravidanza di Katherine Heigl, ispirazione per molte
Avere l’ultimo figlio dopo i 33 anni allunga la vita
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter