Come fare rispettare le regole attraverso le fiabe

Non sono solo prezioso veicolo di morale e di insegnamenti: le fiabe, le favole e i libri letti ai bambini possono venire in aiuto anche nella quotidianità poiché, a quanto pare, esistono fiabe perfette per far sì che i bambini comprendano meglio l’importanza del rispetto delle regole. Tradotto: alcune fiabe ci faranno fare molta meno fatica!

Come fare rispettare le regole attraverso le fiabe: un libro di Elisabetta Mauti raccoglie le favole migliori per insegnare il rispetto delle regole ai bambini

Ci sono regole e regole, ma in generale ogni bambino ha quelle che rispetta tranquillamente e quelle che invece fatica a seguire. Che sia mangiare le verdure, non urlare, non correre, dire sempre grazie e per favore… A volte le rispettano, a volte non ascoltano proprio. E quando una regola diventa difficile da inculcare, possiamo affidarci alle fiabe.

Elisabetta Mauti è una psicologa e ha scritto il libro “Le fiabe per… insegnare le regole”. Sottititolo: “Un aiuto per grandi e piccini” (lo potete acquistare qui o nella vostra libreria di fiducia).

Insegnare ai bambini l’importanza del lavarsi i denti, di entrare nel seggiolino, di mangiare frutta e verdura e di tutto ciò che cerchiamo di trasmettergli a volte non è semplice, perché i bambini semplicemente o non ascoltano o esplicitamente fanno il contrario. Il problema sta nella comunicazione e soprattutto nel diverso modo che gli adulti e i bambini hanno di vedere il mondo. In altre parole: a volte usiamo una comunicazione che va bene tra noi adulti, ma che non arriva ai bambini.

Quale migliore comunicazione, dunque, delle fiabe e dei libri? Questo strumento, come spiega nel libro Elisabetta Mauti, diventa un ponte perfetto per fare capire ai bambini l’importanza di certe cose, utilizzando il linguaggio delle favole, che è quello che comprendono meglio.

Queste favole possono quindi essere lette o raccontate durante la giornata al momento del bisogno (quando, quindi, i bambini parrebbero non ascoltare) oppure quando introduciamo una nuova regola da seguire.

La psicologa e attrice ha spiegato all’ANSA che le fiabe offrono “un piano immaginario in cui mamma, papà e bambino possono incontrarsi e comunicare, impresa ardua specie con bimbi piccoli che vivono in un 'mondo diverso' da quello dei grandi, intessuto di magia e non di vita pratica”.

Da lì alcuni esempi: quando il bambino non vuole lavarsi i denti, ad esempio, possiamo imporre la nostra autorità, provocando scontro e maggior rifiuto, oppure possiamo raccontare una storia includendo un bambino che non voleva proprio lavarsi i denti, eccetera eccetera.

“Le favole”, ha aggiunto Mauti ad Ansa, “servono a raccontare il mondo dei grandi ai bambini: lo spiegano e lo fanno comprendere. Sia aiutandoli a capire le ragioni delle cose, sia a dare un nome alle emozioni che li assalgono. Naturalmente”, precisa l'esperta, "esistono regole su cui non si discute (non si attraversa la strada da soli), e regole che pian piano costruiscono le abitudini del bambino: lavarsi, vestirsi, andare all'asilo, andare a letto, non mettersi le dita nel naso e così via. In ogni caso li si può aiutare raccontando una storia ogni volta che il piccolo si impunta, così l'abitudine pian piano si consolida”.

Ti potrebbe interessare anche

Occhio agli Egizi!
Come stimolare e incoraggiare la libertà d’espressione nei bambini
I migliori libri per bambini di 5 anni
I migliori libri per bambini di tre anni
Bambini e faccende domestiche, qualche idea
Comunicare in modo efficace con i bambini
Le intelligenze multiple secondo Howard Gardner
Perché i giocattoli in legno sono il meglio per i nostri bambini
“No”, come far sì che i bambini lo ascoltino
I 10 libri per bambini da leggere quest'estate
Bambini testardi, quando è troppo tardi per insegnare i limiti?
“Pinocchio” e “La bella e la bestia”, le meraviglie illustrate da MinaLima
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg