Mabarà, nuovo spazio a Milano per mamme e bambini

Gli spazi per bambini e genitori nelle grandi città offrono sempre spunti e occasioni per sperimentare nuove attività, per confrontarsi e per passare del tempo di qualità insieme. Non tutti però sono uguali: ce ne sono di validi e meno validi, e oggi vi parliamo di uno che a nostro avviso in terra milanese è tra i migliori.

È nato da pochissimi giorni e si trova in zona Parco Pagano, ma per quanto neonato noi ci sentiamo già di dire, dopo averlo provato, che è davvero bellissimo! E non vi immaginate quante proposte hanno per noi.

Mabarà, nuovo spazio a Milano per mamme e bambini: lo spazio di idee in zona Parco Pagano nato da un’idea di tre amiche mamme

Federica, Paola e Veronica hanno sette figli in tre. Sono mamme come noi, e come noi si trovavano al parco. Il loro parco preferito era il Parco Pagano, ed è lì vicino che hanno deciso di aprire il loro Mabarà un nuovo spazio milanese dedicato alla famiglia e ai bambini, per dare loro nuovi stimoli e per poter condividere le proprie esperienze.

All’interno di Mabarà, che si trova in via Alberto da Giussano 20 a Milano, possiamo così trovare progetti per tutti: per le mamme (ma anche per i papà), per i bambini e per i ragazzi. Non solo corsi tradizionali come i laboratori o i corsi tenuti dalle ostetriche, ma anche sport che magari faremmo fatica a trovare. Ma vediamo nel dettaglio.

Per le mamme oltre ai corsi preparto, a quelli per l’allattamento, per il massaggio neonatale e per il relax in gravidanza troviamo lo yoga, il teatro (sì, il teatro!), i corsi per imparare a sferruzzare, la sbarra a terra, la danza… Insomma, tutto ciò che serve per prepararsi alla nascita, per imparare a prenderci cura dei nostri bambini e per tenerci in forma puntando sul benessere del corpo e della mente.

Per i bambini dai 3 ai 10 anni l’offerta è davvero super: Federica, Paola e Veronica hanno pensato di organizzare per loro attività per lo sviluppo psicomotorio, la costruzione della fiducia in loro stessi e la promozione dell’aggregazione e della socialità. Ecco perché ci sono sia corsi di disegno, teatro, inglese in musica e robotica/coding (una nuova materia davvero utile, che è perfetto insegnare sin da piccoli), sia di jujitsu brasiliano, capoeira, kenjutsu e psicomotricità, per coinvolgere tanto la mente quanto il corpo con sport inusuali ma davvero utili e divertenti.

Non sono esclusi tuttavia i ragazzi più grandi, che solitamente negli spazi per famiglie non trovano attività a loro dedicate. Qui, invece, anche i ragazzi delle medie trovano uno spazio su misura per loro, con attività davvero eccezionali e magnifiche, utili e interessanti e cucite addosso a loro. I corsi, come vedete, sono variegati e sul pezzo: i nostri figli da Mabarà possono imparare il mestiere del producer musicale e quello del videomaker, oppure possono scegliere i corsi di blogging, fumetto, robotica e coding, con una prospettiva sul futuro intelligente.

Oltre agli appuntamenti fissi della settimana (che possiamo trovare sul sito internet, su Facebook o chiedere alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) ogni settimana lo spazio propone laboratori divisi per fasce l’età, su argomenti che vanno dalla conoscenza alla creatività, dall’educazione alla sensorialità, dall’ascolto all’ecologia.

Mabarà ha aperto il 13 novembre: noi ci siamo già state e abbiamo già adocchiato qualche corso a cui ci iscriveremo!

 Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Il DidòLab al MUBA, aperte le iscrizioni ai laboratori più amati dai bambini
Una lettera necessaria, perché le mamme hanno bisogno di aiuto
“Mio figlio non fa sport perché studia”
Quale sport scegliere in base all’età
La mente di una mamma? Non si ferma mai
Un campus estivo alla Fabbrica del Vapore per imparare divertendosi
Domenica al Centro, una giornata in famiglia all’insegna del Reggio Approach
Lo skateboard, sport benefico per corpo e spirito
Le domeniche al Centro Internazionale Loris Malaguzzi
Come aiutare una neomamma (anche quando non chiede nulla)
La falegnameria didattica di Gino Chadod
Una poesia bellissima di una mamma
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg