Adolescenti che non ascoltano? C'è un motivo neurologico (che li aiuta a crescere)

Sembra un clichè, uno stereotipo, una vecchia convinzione che, come tutte le convinzioni, andrebbe presa con le pinze. E invece è così: gli adolescenti e le adolescenti non ascoltano i genitori. E sì, potremmo dire tranquillamente che si tratta di uno stereotipo reale. Il motivo, infatti, non è solo sociale, ma anche neurologico.

Perché, in pochissime parole, durante l'età dello sviluppo e della crescita, i ragazzi e le ragazze sono "programmati" per ascoltare le voci meno familiari, a discapito di quelle che fino a quel momento hanno fatto parte della loro quotidianità. Il motivo? Eccolo presto spiegato.

La ricerca

Pubblicata sul Journal of Neuroscience, la ricerca che spiega come gli adolescenti ascoltino meno le voci adulte familiari si intitola A Neurodevelopmental Shift in Reward Circuitry from Mother's to Nonfamilial Voices in Adolescence, ovvero Un cambiamento neuroevolutivo nei circuiti della ricompensa dalle voci materne a quelle non familiari nell'adolescenza. Lo studio è stato condotto dai dottori Daniel A. AbramsPercy K. MistryAmanda E. BakerAarthi Padmanabhan e Vinod Menon, della Stanford University, utilizzando una risonanza magnetica per monitorare 46 ragazzi e ragazze tra i 7 e i 16 anni. L'obiettivo era dimostrare come le funzioni neurologiche si modifichino durante l'adolescenza, mostrando concretamente come i figli si separino gradualmente dai genitori.

E la dimostrazione è arrivata: se nei bambini più piccoli è la voce della madre ad attivare certe attività cerebrali, raggiunte la preadolescenza e l'adolescenza i ragazzi rispondono con la stessa attività cerebrale solo quando stimolati da voci diverse da quella della madre, e quindi da voci non familiari. Queste attività, nello specifico, riguardano i circuiti della ricompensa e altri processi uditivi, cognitivi e di valutazione sociale. Quelli, quindi, che fanno dire se un'infomazione sociale sia utile o meno.

In altre parole: se quando i bambini di 7 o 8 anni sentono la voce della madre attivano certe zone del cervello, lo stesso non accade con i ragazzi e le ragazze di 13 anni. Queste zone non si attivano più quando sentono la voce della propria madre, ma quando ascoltano quella di un'altra donna a loro sconosciuta.

Gli adolescenti costruiscono la propria indipendenza

La motivazione alla base di questo cambiamento potrebbe essere una preparazione inconscia che gli adolescenti portano avanti nel corso di questo periodo della vita, un tentativo di adattarsi all'età adulta cercando di trovare una propria indipendenza.

Ascoltando voci diverse da quelle familiari e di cura, possono studiare meglio le interazioni con gli altri, capire i punti di vista altrui, uscire dalla propria zona di confort... E allo stesso tempo danno priorità a ciò che hanno voglia di fare e a chi hanno voglia di ascoltare, come i nuovi amici (che spesso si fanno proprio a quest'età, magari anche per questa motivazione neurologica).

Se prima, quindi, davano priorità ai propri genitori, più o meno consapevoli dell'importanza della loro cura, in adolescenza si focalizzano (giustamente) su ciò che sta fuori casa e fuori-famiglia, preparandosi così all'età adulta.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Il lato bello di TikTok: grazie al social, leggere è di nuovo cool
Le frasi da NON dire ai teenager durante le cene con i parenti
I libri che piacciono DAVVERO a ragazzi e ragazze adolescenti
Adolescenti e droga, aumentano sempre di più i casi
Come connettere con i figli preadolescenti
I preadolescenti? Sono confusi quanto noi
“Non è amore se”, la guida gratuita per capire l’amore dedicata agli adolescenti
Regali per adolescenti, non la solita tecnologia!
“Mamma, che fame!”, per i genitori di adolescenti che non vogliono rinunciare alla sana alimentazione
7 cose che dovremmo smettere di fare con i nostri figli adolescenti
Adolescenti, ansia e depressione vanno curate con l’indipendenza!
Acne negli adolescenti, via latte e glutine per una pelle perfetta

Sara

sara.png

Cecilia

Untitled_design-3.jpg