Il sonno dei bambini: istruzioni per l'uso

 

Nella mia carriera di educatrice, doula e soprattutto mamma (di bimbi che si svegliano spesso la notte...), mi sono imbattuta in svariate teorie sulla nanna e sullo stress derivato dall'assenza di sonno (dei genitori, ovviamente :))! Sono nel pieno dei risvegli notturni della mia piccola (che ha quasi un anno e mezzo) e suo fratello ha iniziato a dormire senza pause due mesi prima che nascesse la sorellina! Insomma si può dire che le notti dove son riuscita a tirare almeno 6 ore di sonno si contano sulle dita di una mano... e va avanti così da quasi cinque anni.. La fatica si sente, ed a volte.. “Sbarello” anch'io!!!

 La preparazione di base che ho è molto concreta, condita da una buona dose di lavoro sulle emozioni ed una bella manciata di spiritualità..Così ogni volta che i miei cuccioli non dormono cerco di capire cosa mi stanno dicendo.. Di solito non trovo mai la risposta anche se ci sono pareri che la scovano per me: “sono i denti!”, “mail di pancia!”, “è perchè inizia a camminare!”, “va a letto troppo presto o troppo tardi”....

AHHHHHHH!

Basta! Non so perchè la cucciola si svegli ma so che quando capita a me... apro gli occhi, la stanza è buia e non riesco ad addormentarmi... mi si apre davanti uno scenario che non mi piace, alquanto noioso e, dopo un po', irritante! Alchè, mi alzo, prendo un libro, bevo una tisana, sveglio mio marito per parlare.. (si, sono perfida...). Questo è quello che mi spinge a non sottovalutare i messaggi dei miei cuccioli: di sicuro a loro piace meno che a me il buio! Allora li prendo: col più grande, le poche volte che chiama, bastano due carezze e due parole dolci; di solito a queste segue qualche biascicante arringa filosofica che si spegne nell'arco di un attimo! Con la cucciolina è un po' più lungo: servono coccole, tetta, tanta tranquillità ed alcuna distrazione..

 A volte mi sento uno straccio.. Strizzato.. Ed allora anche io, ogni tanto, cerco consolazioni cercando qualche teoria illuminante!

Che ne penso? Alcune realistiche, alcune da evitare.

 Da evitare per forza tutte le dottrine che fanno piangere il bambino.. Spesso basta mettersi nei panni dei cuccioli. Conoscete gli esperimenti degli psicologi russi comportamentisti sugli animali? Ecco, mi ricordano proprio quello.. E gli animali, sviluppavano impotenza appresa! Un bimbo che si sveglia la notte va coccolato e fatto riaddormentare.. Non va fatto piangere e lasciato solo! A voi piacerebbe? Si spesso la domanda che tralasciamo è: a noi piacerebbe? No, non gradirei essere lasciata sola la notte dentro un letto con delle sbarre.

Altra cosa che consiglio per evitare che i risvegli diventino un pigiama party è fornire stimoli ai cuccioli: non facciamoli giocare o saltare sul letto... Manteniamo la luce bassa e parole dolci, facciamo loro capire che è solo una pausa e che il sonno presto tornerà!

Può essere utile anche il famoso rito dell'addormentamento (ma poi i risvegli notturni non dipendono da ciò) a cui dedicheremo poi altro spazio.

E cosa fondamentale, che non consola ma è fondamentale!

Diamo tempo all'apparato neuronale dei cuccioli di maturare (a volte, sfortunatamente servono 2/3 anni..)! Questo permette loro di avere un sonno molto più simile a quello adulto e di dormire anche dieci ore per notte consecutive! Miraggio per le mamme che si alzano poi alle 6 per andare a lavorare!



Cora Erba

 

Pedagogista e Doula

3391206776

 

 

Ti potrebbe interessare anche

Bye bye leggerezza
Tutti i fiori di Bach per bambini
Paese che vai nanna che trovi
Come creare un ambiente rilassante per la nanna

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna