Potere al colore con Aurasoma

 Avevo circa 10 anni quando mia zia mi porto in una libreria "alternativa" dove oltre a numerosi libri, ciondoli e amuleti vari si poteva ammirare una vetrinetta illuminata che conteneva al suo interno una miriade di boccettini di liquido colorato: rimasi affascinata. Sono quelle rare cose che ti capitano sotto gli occhi a cui non riesci a distogliere lo sguardo: li guardi tutti insieme, poi ti soffermi su uno, poi ti soffermi su un'altro, poi cerchi quelli simili, poi li riguardi tutti insieme. Non so, è una sensazione strana. Ancora oggi a distanza di 20 anni anche solo guardando queste foto per l'articolo ne sono affascinata. A parte però la mia esperienza personale, vorrei raccontarvi qualcosa in più su questi strani boccettini colorati. 

Ma partiamo con ordine: l'utilizzo del colore come strumento terapeutico affonda le sue radici nelle pratiche di molte importanti culture del passato. Nell'antico Egitto il giallo veniva usato per stimolare le capacità intellettive della mente, mentre il colore rosso era utilizzato per accrescere la forza vitale dell'individuo. In un'altra società antica, quella dei Sumeri, i colori erano considerati un vero e proprio strumento terapeutico, al pari delle piante. Nella MTC, medicina tradizionale cinese, a ogni elemento viene associato un colore. . Anche per i cinesi il colore è stato sempre fondamentale, infatti nel sistema dei cinque elementi sul quale si basa tutta la loro diagnostica e medicina, ogni elemento viene associato ad un colore. I Tibetani invece sono stati i primi ad associare il colore con la coscienza nel loro piu antico libro sulla dimensione umana. 

Nel 1983, la farmacista Vicky Wall, farmacista, alchimista e meditatrice inglese, crea Aura Soma. Aura Soma è un sistema olistico non intrusivo che amalgama armonicamente qualità dei colori, delle essenze aromatiche e vibrazioni dei cristalli, in un sistema di auto-guarigione personale, che riporta l'individuo verso la sua propria unità di corpo-mente-spirito. Il centro del sistema è costituito dalle bottiglie bicolore Equilibrium . Mike Booth, direttore mondiale dell'Aura-Soma, sostiene che, l'insieme dei loro colori rappresenti la nostra totalità. La scelta delle bottiglie, permette quindi, alla persona, di capire quali sono gli aspetti prioritari su cui lavorare"* si legge sul sito www.aura-soma.it/. "In nessun caso i prodotti dell'Aura Soma possono danneggiare; come in tutte le terapie energetiche, l'effetto si ha quando la lunghezza d'onda della sostanza corrisponde alla reale necessità della persona che la richiede, altrimenti non si manifesterà nessun effetto. Se invece la sostanza è quella giusta, la persona che l'applica lo constaterà dopo qualche giorno; a volte, come anche succede per i rimedi omeopatici giusti, la reazione può portare ad un rafforzamento dei conflitti dell'anima e le ombre possono momentaneamente rafforzarsi, ma è proprio questo rafforzamento del nodo energetico che ne influenza dopo lo scioglimento". 

 Ma come si inizia? Il processo prevede la scelta di quattro bottiglie principali che costituiranno il nostro "specchio", ossia ciò che siamo e allo stesso tempo ciò di cui abbiamo bisogno: "esistono diversi modi, più o meno ortodossi, per scegliere le bottiglie ma Mike Boot consiglia di sceglierne ognuna come se fosse l'unica di cui potremmo disporre su un isola deserta. Dovremmo porci in una disposizione d'animo rilassata e scegliere con cura e attenzione la prima, poi metterla da parte e scegliere allo stesso modo la seconda e così via per quattro bottiglie che descriveranno il nostro codice personale. Molto genericamente possiamo dire che la prima indica il nostro obiettivo nella vita, la seconda le nostre maggiori difficoltà, la terza il nostro stato evolutivo e la quarta le nostre prospettive future.". Esistono dei veri e propri consulenti Aura Soma che dopo aver effettuato una formazione possono sostenerci in questo processo di scelta. 

Come si usano le bottigliette? "Con la mano sinistra si prende la bottiglia, si svita il tappino, e chiudendo la bottiglia con l'indice, si incomincia a scuoterla, fino a quando non se ne otterrà una emulsione omogenea; dopo di che si versano alcune gocce dell'emulsione sulla mano destra, e si spalmano sulla parte del corpo che corrisponde al centro energetico, descritto nella scheda per ogni bottiglia. Se ci sono delle zone dolenti del corpo, potete applicare alcune gocce dell'olio prescelto; da ciò sono escluse le bottiglie che hanno una grande prevalenza di rosso, poiché è opportuno usare il rosso soltanto sotto l'ombelico e non sopra, a meno che non ci sia un'indicazione specifica da parte di un consulente di Aura Soma. Gli oli applicati sul corpo penetrano attraverso la membrana semipermeabile della pelle, per andare nel sistema linfatico e nella circolazione del sangue, con questa raggiungono le ghiandole ormonali, i centri nervosi e tutti gli altri organi del corpo. Si consiglia di usare le sostanze due volte al giorno: una volta la mattina e una la sera. Comunque questo consiglio e suscettibile di variazioni in quanto la risposta al dosaggio è del tutto personale: forse per alcune persone sarà opportuno spalmare l'olio più volte al giorno e per altre solo una volta; ognuno deve sperimentare per sè, e attraverso la pratica troverà il dosaggio ideale.".

Tutte le informazioni su http://www.aura-soma.it/

Mi sento di inserire alcune foto, perchè davvero credo che queste boccettine siano speciali. Mi viene istintivamente voglia di affidarmi a loro... e non so il perchè! 

Giulia Mandrino

   

Ti potrebbe interessare anche

La cromoterapia in cameretta: le proposte di Dalani

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna