Genitori, fare squadra fa bene alla coppia

Forse dal titolo sembrerà scontato, ma proviamo ad entrare nel dettaglio: all’interno delle coppie con figli spesso gli attriti maggiori si verificano proprio quando si parla di educazione di questi ultimi. Non è vero? C’è chi vorrebbe l’altro genitore più coinvolto, chi sente di fare tutto da solo, chi si sente messo da parte, chi non condivide le scelte dell’altro genitore... E la lista potrebbe andare avanti infinitamente. Ma vogliamo proprio lasciare che questi problemi rovinino l’atmosfera in casa, l’educazione dei figli e i matrimoni? Meglio ragionarci un attimo. Perché basta riflettere un poco per capire che la soluzione è una sola: fare squadra. Ma per davvero!

Genitori, fare squadra fa bene alla coppia: come la genitorialità di squadra fa bene al bambino ma anche al matrimonio

Essere genitori nella stessa maniera: questa è forse l’aspirazione maggiore di una coppia. Avere gli stessi ideali, certo, ma andare d’accordo anche sulle piccole cose, come gli orari in cui il bimbo dovrebbe mangiare, i libri da fargli leggere, i “no” da dire o non dire, l’approccio pedagogico più o meno rigido, più o meno naturale... Tuttavia discutere è inevitabile, perché siamo sì coppie, ma siamo anche singole persone e come tali abbiamo il nostro pensiero.

A volte bisogna convincere l’altro ad essere meno autoritario, oppure ad essere meno permissivo. E bisogna ascoltare l’altro e scendere a compromessi. Insomma: la regola principale dovrebbe essere fare squadra, e l’essere squadra lo si raggiunge cercando un equilibrio.

Nelle differenze, bisogna quindi cercare i punti in comune, e iniziare lavorando su quelli.

In inglese si parla di co-parenting, e cioè di co-genitorialità. Significa che i vecchi ruoli sono ormai superati, e ognuno, con i figli, porta del suo. Non ci sono più le mamme che stanno semplicemente a casa a fare i mestieri e a cambiare i pannolini, e non ci sono più i papà che non sanno scaldare un biberon. Ognuno fa ciò che può, e ognuno è coinvolto affettivamente alla stessa maniera, cercando di essere presente il più possibile per i figli. È per questo che è necessario fare squadra e trovare una didattica comune: se prima infatti era solo un genitore ad impostare l’educazione, oggi lo fanno entrambi.

Con un’impostazione in comune, i benefici, in primis per i figli, saranno moltissimi, poiché innanzitutto non si troveranno più nel dubbio del “chi seguire” e del “quale regola sia giusta”. Vedere i genitori che si muovono e pensano nella stessa maniera, porterà i figli ad avere una educazione più stabile, più retta, più solida, e questo significherà anche più stabilità personale, oltre che sociale.

In secondo luogo, fare squadra, come dicevamo, significa sì scendere a compromessi e cercare di persuadere l’altro della bontà della nostra educazione, ma vuol dire anche trovare dei punti in comune che determineranno la base dell’impostazione genitoriale, e ciò si tradurrà inevitabilmente in meno scontri. Ma soprattutto in dialogo. Ecco perché la squadra farà bene alla coppia!

Le regole sono poche, semplici ed efficaci.

La prima è il dialogo. Quando in dubbio, cercate sempre il vostro partner, parlatene, discutete, trovate il punto di contatto e da lì lavorate. Questo farà sì che troverete certamente la soluzione al problema immediato, ma imparerete anche, col tempo, a fare di questo dialogo la base della vostra serenità di coppia anche nei momenti di difficoltà.

La seconda è il supporto totale all’altro. Supportate sempre il vostro compagno e fate sì che vi supporti, in un rapporto di stima e rispetto reciproci che vi porteranno anche a capire meglio i punti di vista dell’altro. In poche parole, il supporto porterà all’empatia, elemento imprescindibile per il fare squadra.

La terza regola è discutere sempre lontano dai bambini. Non tanto per il non farvi vedere (soprattutto quando i toni si scaldano), ma perché così facendo costruirete un momento di calma che servirà a schiarire le idee, a metterle in ordine, con tranquillità e senza fretta.

E, anche se le discussioni continueranno ad esistere (non siamo robot!), questa impostazione vi aiuterà sia come genitori sia come coppia. E i figli ne godranno. Ricordate anche di parlare sempre bene del vostro partner in loro presenza, lodandone le qualità e gli sforzi, mostrando quanto vi rispettate. Sarà un altro modo per costruire al meglio la loro educazione, perché in questo modo anche quando discuterete i bambini non dimenticheranno che in ogni caso mamma e papà si rispettano, ascoltano l’opinione dell’altro, e che anche se hanno idee divergenti la tranquillità e la pace in famiglia possono esistere. Eccome!

Ti potrebbe interessare anche

Come aiutare una neomamma (anche quando non chiede nulla)
Cosa vuol dire essere una mamma single
Una poesia bellissima di una mamma
Andare a braccio non è poi così male...
Sì, dobbiamo lasciare che i figli falliscano
11 motivi per riconoscere un marito perfetto
10 atteggiamenti da lasciarsi alle spalle per essere un genitore felice
Care mamme, c’è in giro troppa perfezione
A volte è giusto sentirsi sopraffatte, mamme
Mamma, mi hai detto...
Tra il dire e il fare c'è di mezzo una mamma che fa del suo meglio: la prima puntata di 4mamme
Mimi Stevenson, mamma sopravvissuta e paladina dell’allattamento

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter