Quattro tipi di riso buoni e sani

Quanti tipi di riso esistono? E quali sono le loro proprietà? Di varietà di riso ne esistono molte e ognuna ha delle caratteristiche ben precise dalle quali derivano diversi benefici. Almeno quattro sono le varietà di riso dalle proprietà benefiche e molto sane; il riso nero, il riso rosso, il riso thai integrale e il parboiled.

Ecco allora quattro tipi di riso sani e buoni: le proprietà del riso venere, riso rosso, riso thai integrale e riso paraboiled. 

Il riso nero

Conosciuto anche come riso venere, il riso nero è ricco di calcio e vitamine, svolge un’importante azione antiossidante e protegge le cellule dai radicali liberi. Il riso venere è inoltre ricco di ferro, crusca ed è associato alla protezione delle malattie cardiache, grazie alla sua capacità di tenere a bada il colesterolo, e al mantenimento della pressione cardiaca.

Il riso nero può essere utilizzato in cucina in modo semplice e all’interno di ricette sane e gustose, come un risotto alle verdure, con i funghi, oppure per preparare delle insalate con zucca e limone o con avocado e mango .

Il riso rosso

È un riso integrale che nasce da un incrocio naturale. I suoi chicchi sono ricchi di fibre e si contraddistinguono da un bel colore rosso rubino. Il riso rosso è molto digeribile e ha un alto contenuto di sostanze antiossidanti.

Questa varietà di riso ha una cottura molto lunga, rimane sempre croccante e può essere anche mangiato da solo, senza condimento. Si consuma prevalentemente bollito, al vapore e condito solamente con un cucchiaio d’olio d’oliva o con la salsa di pomodoro.

Il riso thai integrale

Questa varierà di riso, coltivata in Thailandia, è molto profumata, assomiglia al riso basmati e ha un colore bianco avorio. È ideale per la preparazione di insalate, grazie al fatto che i suoi chicchi rimangono ben separati durante la cottura.

Nella cucina orientale questo tipo di riso, ricco di vitamine e ferro, viene aromatizzato con le spezie, come la cannella o il coriandolo, e viene consumato in sostituzione del pane abbinato ai piatti tradizionali, come il pollo o le verdure grigliate.

Il riso parboiled

Il termine parboiled, che dall’inglese significa “parzialmente bollito”, si riferisce al fatto che i chicchi di riso sono stati trattati in modo tale da salvaguardarne il contenuto dei micronutrienti, come le vitamine e i sali minerali.

Con questa varietà di riso si possono preparare insalate e piatti freddi con il medesimo risultato: i chicchi risulteranno sempre ben separati e, per questo motivo, in genere si sconsiglia l’uso di riso parboiled per preparare un risotto.

La redazione di mammapretaporter.it

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Insalata di riso nero con gamberi, basilico, pomodorini e fagiolini.
Le farine che fanno bene e dove acquistarle
Focaccia integrale semplicissima
8 pappe di riso per lo svezzamento naturale
Paella di pesce e verdure per bambini super veloce
Insalata di avena, mirtilli, feta e mandorle con aceto balsamico
8 ricette per fare le barrette energetiche in casa
Pane sottile alle mandorle (senza glutine!)
7 ricette con il miglio
Il glutine e la celiachia, tutto ciò che c’è da sapere
8 ricette con il riso nero
8 risotti invernali per tutta la famiglia

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter