Cos’è la disprassia, condizione che colpisce sei bambini su cento

Colpisce sei bambini su cento, eppure la maggior parte di noi non ne ha mai sentito parlare. Stiamo parlando della disprassia, disturbo che riguarda lo sviluppo motorio del bambino e che ne rende difficili i gesti quotidiani ed espressivi. In altre parole, il bambino che soffre di disprassia fa fatica a vestirsi, allacciarsi le scarpe, cominciare emozioni con i gesti, usare la manualità fine…

Come riconoscere quindi la disprassia? E come risolverla?

Cos’è la disprassia, condizione che colpisce sei bambini su cento: tutto ciò che dobbiamo sapere sul disturbo che colpisce lo sviluppo motorio dei bambini

Purtroppo è una condizione ancora molto poco conosciuta e di cui non si hanno informazioni (e per questo è poco riconoscibile e diagnosticabile - per intenderci, non esce durante gli indici di Apgar), ma la disprassia fa sì che i bambini non riescano facilmente a coordinare i propri movimenti e a programmare ed eseguire le azioni che vogliono compiere. Proprio per il suo non essere conosciuta e di conseguenza riconosciuta, spesso la disprassia porta i genitori ad identificare i bambini semplicemente come goffi (quando non è marcata). Tuttavia ci sono segnali che possono farci capire di essere di fronte proprio a questo disturbo.

Ma andiamo con ordine. La disprassia è una condizione dovuta all’alterazione dello sviluppo degli apprendimenti dei gesti e dei movimenti, ovvero delle azioni coordinate nel tempo e nello spazio per eseguire una determinata azione. In altre parole, i bambini affetti da disprassia non riescono immediatamente ad eseguire i gesti che hanno in mente di compiere, soprattutto quando questi sono precisi e specifici. Tutto questo, tuttavia, non deve essere associato ad altre malattie neurologiche o ad altri deficit mentali, che potrebbero essere la causa della difficoltà.

Più frequente nei maschi che nelle femmine, la disprassia può essere identificata dai genitori e dai medici curanti quando c’è difficoltà nei movimenti o ritardo nello sviluppo della coordinazione; quando ci sono difficoltà di coordinazione non dovute ad altre patologie specifiche; e quando queste difficoltà di coordinazione interferiscono con lo svolgimento delle azioni quotidiane e scolastiche.

In particolare, alcuni segni precoci di disprassia sono l’eccessivo ritardo nel gattonare o nel camminare, le scarse capacità sportive e la non coordinazione o l’essere particolarmente goffi e impacciati nei movimenti. In particolare, il bambino disprassico fatica ad allacciarsi le scarpe e a chiudere i bottoni, ad assemblare i puzzle, a scrivere, a disegnare, a giocare con le costruzioni e a utilizzare le posate.

Quando genitori ed educatori si accorgono di tutto ciò, è bene rivolgersi al medico e al pediatra, che giungeranno ad una diagnosi e sapranno guidare la famiglia verso l’indirizzo terapeutico migliore, che potrà essere variegato e non univoco, associando la logopedia con la psicomotricità e la psicoterapia. In particolare, le attività consigliate per risolvere la disprassia sono quelle che mirano ad una migliore conoscenza del proprio corpo, alla propriocezione, alla comunicazione, al miglioramento delle posture, alle analisi delle distanze nello spazio tridimensionale e all’automatizzazione di gesti quotidiani e frequenti.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Bambini e fermenti lattici
Come tenere i bambini attivi anche in tempo di pandemia e quarantena
Acetone nei bambini, come riconoscerlo e combatterlo in maniera naturale
Quando pelle e capelli soffrono lo stress: cosa fare
Come stimolare manualità fine e coordinazione occhio mano
Neonati e singhiozzo, cosa fare
Il post-isolamento dei bambini, tra alimentazione e movimento
Bambini e mal di testa, ciò che dobbiamo sapere
5 motivi per lasciare le scarpe fuori casa
Perché in questo momento dobbiamo stare a casa e dire di no alle festine e alle uscite con gli amichetti
I segnali di ADHD, la Sindrome da Deficit di Attenzione e Iperattività
Perché il Coronavirus colpisce meno i bambini
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg