Come vestire il bambino per la nanna

Sacchi nanna, tutine, pigiami… Lana, cotone, caldo cotone, pile, ciniglia… Il mare degli indumenti per la nanna dei bambini è immenso ed è normale annaspare nell’insicurezza del “Cosa gli metto stanotte?”.

La nanna dei bambini è fondamentale, importantissima, e ciò a cui dobbiamo puntare è il loro benessere. E il benessere passa dal clima: dobbiamo sempre tenere presente il clima generale del periodo, ma soprattutto la temperatura della cameretta, e regolarci di conseguenza.

Ma sappiamo che è difficile, perché la nostra sensazione di freddo/caldo è diversa da quella dei bambini. Ecco perché ci sono alcune regole da rispettare: ve le spieghiamo in dettaglio qua, per facilitare la scelta sui vestiti da fare indossare ai bambini durante la notte in ogni periodo dell’anno!

Come vestire il bambino per la nanna: quali indumenti e sacchi nanna scegliere e combinare per assicurare una nanna perfetta al bambino in base al clima

ESTATE

Quando nella cameretta ci sono 26 gradi o più possiamo stare tranquilli, perché basterà semplicemente mandare a nanna il bambino con un semplice body di cotone a maniche corte.

Se i gradi nella nursery si aggirano intorno ai 23/25 gradi dobbiamo invece cominciare ad utilizzare il sacco nanna. Manteniamo il body in cotone a maniche corte, ma aggiungiamo sopra un sacco nanna di 0.5 tog, che è l’unità di misura del calore. I sacchi nanna da 0.5 tog sono quelli con un solo strato di cotone senza imbottitura, quindi ideali per le notti estive calde.

AUTUNNO E PRIMAVERA

Quando la temperatura inizia a scendere aumenta il calore dei vestiti dei bambini per la nanna. Quando nella cameretta ci sono 22/23 gradi, scegliamo una tutina a maniche lunghe e aggiungiamo sopra un sacco nanna, di nuovo da 0.5 tog.

A 20/21 gradi al sacco nanna e alla tutina a maniche lunghe aggiungiamo, sotto, il body a maniche corte, come una “maglia della salute”, per non fare prendere eventuale freddo al bambino.

Tra i 18/19 gradi vestiamo il bimbo con questi strati: un primo body in cotone a maniche lunghe, la tutina a maniche lunghe e un sacco nanna da 1 tog, ovvero con una leggera imbottitura.

Se le temperature si abbassano (quindi quando si aggirano intorno ai 16/17 gradi) aggiungiamo al vestiario precedente (quindi body a maniche lunghe+tutina a maniche lunghe+sacco nanna) i calzini ai piedi, scegliendo stavolta un sacco nanna da 2 tog, e cioè un sacco nanna imbottito molto bene.

INVERNO

Parliamo di inverno quando le temperature scendono sotto ai 16 gradi. Solitamente nella cameretta i gradi si aggirano attorno ai 18/20 gradi (non di più), ma in ogni caso è meglio coprire i bambini in modo che non prendano freddo se durante la notte la temperatura cala. Sotto i 16 gradi, quindi, vestiremo il bimbo in questa maniera: un body in cotone a maniche lunghe, una tutina a maniche lunghe, un sacco nanna da 2 tog (di nuovo), calzini caldi, cuffietta in cotone e manopole leggere per le mani.

IN INVERNO ALL’ESTERNO

I bimbi dormono anche all’aperto, quando usciamo per le passeggiate. In questo caso vestiremo i bimbi molto bene, con body a maniche lunghe, tutina calda in ciniglia a maniche lunghe e piumino, con un sacco nanna invernale da 3.5 tog, il più imbottito, quello adatto alle temperature esterne sotto i 16 gradi.

Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

10 attività per rendere il momento della nanna più rilassato
Saltare il pisolino, perché i bambini impazziscono
8 routine della buonanotte
Addormentare i bambini abbracciandoli non è un vizio
Perché fare attenzione all’abbigliamento dei bambini
YouKoala, l’armadio condiviso per i nostri bambini
Le frasi per bambini che hanno paura del buio
I più bei sacchi nanna da fare a maglia
I sacchi nanna più belli da comprare
I tipi di sacchi nanna
Anche le mamme hanno bisogno del co-sleeping
L’abbigliamento scandi per bambini

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter