Come sopravvivere al primo anno del bambino

Il primo anno di vita del nostro bambino è tra i periodi più meravigliosi della vita. Le novità, le scoperte, la costruzione della relazione… Ma è allo stesso tempo un momento pieno di sfide, stress e situazioni estenuanti!

Ma non preoccupatevi: l’equilibrio lo si trova, e seguendo questi nostri consigli il primo anno di vita del bambino sarà leggermente più semplice.

Come sopravvivere al primo anno del bambino: le strategie per vivere più serenamente i primi dodici mesi di vita di nostro figlio

Il primo anno di vita del bambino è ricco di cambiamenti, e non solo a livello familiare, ma anche fisico. Il nostro bimbo sta crescendo e nel primo anno accadono cose meravigliose, ma anche dolorose e stressanti!

Innanzitutto, lo stress principale deriverà dall’esterno. Ovvero: tutti coloro che incontrerete avranno consigli (non richiesti) su come si dovrebbe fare ad educare il bambino, su come l’allattamento al seno debba avvenire, su quali siano i pannolini migliori… Bene, la soluzione, in questo caso, è fare un respiro profondo e non ascoltare. Senza essere maleducati, basta annuire, lasciando però che le parole degli altri non ci influenzino, soprattutto se ci rendiamo conto che non ci fanno sentire a nostro agio.

Altro stress deriva spesso dal disordine in casa, che volenti o nolenti quando arriva un bambino è più che normale. Gli equilibri cambiano, e mantenere l’ordine precedente diventa un’impresa. Meglio fare ciò che riusciamo senza frustrarci troppo, accettando anche l’aiuto di chi ci sta intorno. Se la suocera si offre di stirare, perché no? Se un’amica vuole portarci una piccola spesa per farci stare tranquille, perché no?

Possiamo poi affidarci ai servizi online, che sono molto, molto comodi nel primo anno di vita del bambino. Innanzitutto, la spesa online, che possiamo fare direttamente da casa e ricevere in poco tempo, evitandoci le uscite al supermercato e soprattutto evitandoci di ritrovarci con borse, borsone e bottiglie dell’acqua in equilibrio insieme all’ovetto.

Ma non solo la spesa: possiamo acquistare online anche i pannolini, un altro elemento che crea spesso disagio nel momento in cui li finiamo senza rendercene conto. Lillydoo offre un servizio di pannolini in abbonamento, con la fornitura di pannolini senza profumi e senza lozioni (e quindi super sicuri e di qualità) che arriva ogni mese direttamente a casa, con la taglia che cresce in base alla crescita del bambino (basta semplicemente variare le opzioni sulla nostra pagina personale; per provare, c’è anche il pacchetto prova).

Tra tutte le situazioni stressanti c’è poi l’arrivo dei dentini, a partire più o meno dai sei mesi di età. Pianti, dolore, notti insonni e nervosismo generale saranno all’ordine del giorno. Meglio quindi portarsi avanti e comprare subito, ancora prima che spunti il primo dente (in modo da averlo già a portata di mano!) un giocattolo per la dentizione, come ad esempio la famosa Giraffa Sophie, di quelli fatti apposta per essere masticati in maniera sicura, per alleviare il dolore e il nervosismo delle gengive del bambino.

E quando vogliamo fare la doccia? Sembra non esserci mai tempo. A volte è bene approfittarne, e farla insieme. Mettiamo una seggiolina nella doccia e laviamoci con il bimbo in braccio. Giocheremo, ci laveremo e costruiremo un legame fisico molto forte, mentre, nel frattempo, supereremo il problema della doccia!

Ti potrebbe interessare anche

Come ottenere uno sconto per comprare i pannolini Lillydoo
La dispensa del bambino, cosa accumulare e cosa no
Perché le mamme digital scelgono Lillydoo
Piccole abitudini per genitori sereni
Quali pannolini scegliere per bambini con pelle sensibile
Qual è l’età giusta per togliere il pannolino
8 modi per rendere il cambio pannolino più comodo
Da Wagamama i laboratori di cucina asiatica per bambini
Consigli salvatempo per genitori
corsi.it, i corsi perfetti per le mamme
Lillydoo, quando un abbonamento ti facilita la vita
Quali pannolini scegliere contro la dermatite da pannolino
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg