La mostra di Chagall alla Permanente di Milano

 (Marc Chagall, La passeggiata, 1917/18. © 2017 Foto Scala, Firenze, © Chagall ®, by SIAE 2017)

Le mostre interattive e “diverse” sono davvero un’ottima occasione per avvicinare i bambini all’arte e ai musei. Le prime visite dovrebbero sempre essere divertenti e diverse, e in questo senso la mostra dedicata a Marc Chagall in programma in questi mesi a Milano fa davvero al caso delle famiglie!

Una mostra interattiva, immersiva, che farà vivere l’arte di Chagall dall’interno, con una sapiente regia pensata apposta per l’esposizione.

La mostra di Chagall alla Permanente di Milano: l’esposizione dedicata al mondo fantastico del pittore bielorusso, fino al 28 gennaio 2018 a Milano

Pensata da Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto e Massimiliano Siccardi (con una colonna sonora ideata da Luca Longobardi), la nuova mostra dedicata a Marc Chagall in programma dal 14 ottobre 2017 alò 28 gennaio 2018 presso il Museo della Permanente di Milano (in via Turati 34 a Milano) si prospetta già tra le più spettacolari e coinvolgenti della stagione.

“Chagall. Sogno di una notte d’estate” si inserisce nel solco delle nuove mostre che utilizzano il digitale e la tecnologia per esaltare l’arte dei grandi maestri creativi, proponendo le opere in una chiave finalmente diversa, coinvolgente ed entusiasmante: l’esposizione si caratterizza infatti per come una mostra multimediale fatta di musica, video e pittura, come uno spettacolo unico e irripetibile.

L’allestimento è davvero incantevole: la mostra-spettacolo permetterà agli spettatori di godere dell’opera di Marc Chagall attraverso 12 sezioni, 12 macro-sequenze: Vitebsk, piccolissimo villaggio russo in cui Chagall è nato, la vita, la poesia, i collages, la guerra, le vetrate, l’Opéra Garnier, Daphnis e Chloé, i mosaici, il circo, le illustrazioni per fiabe, la Bibbia. Il tutto non come nelle solite mostre, ma immergendosi completamente nella sua opera, che starà tutta attorno al pubblico, esplodendo in colori, video e musica.

Chagall_allestimento-009_preview.jpeg

Grazie a questo nuovo modo di esporre le opere di Chagall, i visitatori potranno ammirare dettagli finissimi e passaggi emozionanti poco visibili normalmente, percependo in maniera massiccia la ricchezza espressiva e la densità del mondo onirico del pittore, fatto di sogni, religione, suggestioni, collage ed emozioni pure.

Ai bambini solitamente il suo tratto piace molto: tra colori tenui, segni semplici ed esplosioni di espressività, quella di Chagall è una creatività che acchiappa tutti, che affascina tutti, in particolare i bambini, che apprezzeranno certamente questo modo di conoscere in maniera divertente e appassionante il pittore.

Per le scuole sono poi organizzate bellissime visite didattiche in collaborazione con Giotto e i suoi colori: il Laboratorio per le scuole dell’infanzia e per quelle primarie, “Sognando Chagall” (che ha una durata di 90 minuti e costa 90 euro + il biglietto di ingresso, gratuito per i bambini sotto ai 4 anni, a 6 euro per quelli fino ai 10 anni e a 11 euro per i ragazzi dagli 11 ai 18 - prenotazioni a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e 02 8929711), farà entrare nel mondo di Marc Chagall i bambini attraverso un’esperienza immersiva per cercare gli elementi ricorrenti della sua arte e del suo linguaggio. Si darà vita ai personaggi, si racconteranno le loro storie, come a teatro, immergendosi nella creatività e nel mondo sognante di questo artista.

Per tutti gli altri, le informazioni e gli orari si trovano qui.

Giulia Mandrino 

Ti potrebbe interessare anche

10 libri da regalare a bambini che amano l’arte
“Colorama”, il campionario di colori più poetico che è anche un gioco e una mostra
Le pubblicità sessiste al contrario di Eli Rezkallah
Le diverse tecniche per fare colorare i bambini
I disegni di Halloween da colorare per bambini
Banksy a Milano, dal 21 novembre una bellissima mostra
Qualche idea creativa con i pastelli a cera
Due nuove mostre al Centro Internazionale Loris Malaguzzi
“Energia di una mamma”, la mostra di Oliviero Toscani a Casa Stokke
Le fatiche di un dislessico diventano arte
“What real men cry like”, progetto fotografico che può cambiare il mondo
I ritratti dell’innocenza di Ali Cavanaugh
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter