Flik Flak, quando un oggetto iconico lega generazioni di bambini

Ci sono certi oggetti che fanno la storia. Soprattutto quando si legano alla nostra infanzia: rimangono nell’immaginario, restano impressi nella mente e divengono ricordi concreti del tempo passato e del tempo che dovrà ancora arrivare. E c’è un oggetto, in particolare, che racchiude in maniera perfetta e romantica tutto questo: si chiama Flik Flak e - ça va sans dire - non ha bisogno di presentazioni.

I primi orologi Flik Flak nacquero nel 1987: ecco perché rappresentano appieno questo concetto di tempo che passa e che rimane cristallizzato grazie al fatto di essere icona. I genitori che negli anni Ottanta erano bimbi indossavano fieramente il loro Flik Flak, e oggi a farlo sono i loro bambini, orgogliosi del loro polso impreziosito dall’orologio, oggetto “da grandi” che li fa sentire grandi, oggetto personale che li fa sentire unici.

Flik Flak, quando un oggetto iconico lega generazioni di bambini: l’orologio svizzero per bambini che ha fatto la storia ci piace da matti

Siamo ragazzi cresciuti negli anni Ottanta e Novanta, e lo sappiamo bene: con il Flik Flak al polso eravamo dei fighi, in un’epoca nella quale il termine “fico” cominciava a zigzagare sulla bocca di tutti. Sì, eravamo fichi, fighi, cool, perché finalmente avevamo il nostro orologio da grandi, il nostro strumento di misurazione del tempo disegnato per essere divertente, personale e semplice da leggere.

Flik Flak è un’azienda svizzera che nel 1987 ha cominciato a produrre questi iconici orologi per bambini dai 3 ai 9 anni con l’intento di dare loro la possibilità di leggere l’ora in maniera semplice, imparando divertendosi, e, allo stesso tempo, indossando un oggetto personale unico.

Simbolo di Flik Flak sono proprio Flik e Flak, i due personaggi-lancetta: lui alto e dinoccolato (è la lancetta dei minuti), lei piccola e sbarazzina (indica le ore), Flik e Flak si muovono lungo il quadrante, segnando i 60 minuti lui e le 12 ore lei, insegnando ai bambini che ogni 60 passi di Flik è tempo di un passo per Flak.

Sembra semplicissimo, e in effetti lo è, perché gli orologi Flik Flak sono stati pensati proprio con l’intento di insegnare a leggere l’ora in maniera facile facile, sviluppando gli orologi in collaborazione con insegnanti e psicologi, promuovendo così l’apprendimento intuitivo dell’ora.

E poi, non ultimo, sono pensati proprio per i bambini, per loro, per il loro stile di vita, e non solo per quanto riguarda lo stile (ce ne sono davvero moltissimi, per tutti i gusti). Anche il fatto di essere senza BPA, resistenti agli urti e lavabili in lavatrice (basta infilarli in un calzino e lavare con un semplice ciclo a 40 gradi) rendono gli orologi Flik Flak perfetti per i nostri bimbi sempre in movimento. E il prezzo è anche molto accessibile, cosa da non sottovalutare, dal momento che si tratta di orologi svizzeri al quarzo di qualità eccellente.

Da qualche anno, poi, Flik Flak ha sviluppato una divertentissima App (per iOS o per Android) per imparare ancora meglio a leggere l’ora (eh no, ai nostri tempi questo non c’era!). Attraverso giochi e avventure, Flik e Flak accompagnano di nuovo i bambini nel magico mondo della lettura dell’orologio, insegnando in maniera efficace e duratura a leggere l’ora.

Per quest’anno Flik Flak ha pensato ad una nuova meravigliosa collezione, che incontra i gusti di tutti i bambini, i più disparati: dai glitter per i più sfavillanti a quelli dedicati allo sport (calcio, basket, danza…), da quelli romanticamente rosa a quelli gialli “wow!”, da quelli più semplici a quelli speciali con ghiere più sportive e dedicati alla scuola (bellissimi i Pink e Blue AB34!). Per scoprirli tutti e trovare quello preferito dei nostri bimbi basta sbirciare sul sito di Flik Flak.

Ti potrebbe interessare anche

10 idee per giocare con i Lego in maniera alternativa
Bricks 4 Kidz, per imparare la tecnologia con i mattoncini Lego!
I lapbook, strumento interattivo per imparare
Un regalo intelligente: il telefono da polso per bambini
Giocare alle misure e alle frazioni con Maria Montessori
Abituare i bambini ad andare a nanna presto dopo le vacanze
I bambini e l’apprendimento delle lingue
Comparare i figli? Non serve a nulla, anzi!
Come creare una ruota montessoriana o mandala delle tabelline
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg