Quello che le mamme blogger non dicono

Quelle che mamme non dicono è stato meravigliosamente raccontato nel libro di Cecilia Santamaria, Blogger di Ma che Davvero? che non posso che consigliare a tutte voi. Quello che le donne non dicono ce lo ha spiegato l'intramontabile Fiorella Mannoia. 

E le mamme blogger? Vivono una vita spensierata, fortunate loro che lavorano da casa e fanno un lavoro creativo? Cii sono tante cose che le mamme blogger non dicono, e io ve le voglio raccontare tutte, perchè dietro questa schermata video ci sono mamme e donne che spesso non sono particolarmente comprese:  parenti ed alcuni amici vedono il nostro lavoro come un hobby, come un pretesto per stare a casa e passare le ore su Facebook, alternando questa attività a impegni mondani di feste e aperitivi travestiti da impegni di lavoro.

 

Quello che vorrei dire a mia mamma e a mia suocera, anzi vorrei che se lo tatuassero così da non dimenticarsi mai questi concetti:

 

1. Non sto giocando al Pc, sto lavorando

2. Non sto chiacchierando con amiche su Facebook, sto lavorando

3. Non accetto inviti segreti da sconosciuti sul web, sto rispondendo ai commenti 

4. Non sto andando a una festa con le mie amiche, sto andando a una presentazione 

5. Scrivo mail non per organizzare imperdibili te con amiche, ma per lavoro

6. Sono a casa per lavorare, ma è come se fossi in ufficio: quindi non puoi telefonarmi a qualsiasi ora "tanto sei a casa"

7. Non sono una casalinga senza figli con la passione per il pavimento lucidato con la cera il giorno 18 di ogni mese: inutile quindi avere l'aspettativa che la casa sia perfetta "tanto sei casa", perchè ho sempre e solo due mani, per cui o lavoro o faccio lavatrici, pavimenti e bagno. 

 

Alle mie amiche senza figli in carriera, che mi chiamano alle 10 di mattina, "tanto sei a casa":

Se pensi che il tuo lavoro sia stressante e che io sia quasi in vacanza per il fatto che lavoro da casa immagina di:

1. alzarti alle 5,30 per riuscire a lavorare in pace almeno un'oretta

2. essere a casa tutto il giorno da sola. E poi i pomeriggi a casa con i bambini quando piove, per non parlare di quando sono malati, in inverno... Insomma, ci sono settimane intere dove non metti quasi la testa fuori da casa e vedi solo il pc, tuo marito (generalmente incazzato per il lavoro) e i tuoi figli. Vedi un po' tu.

3. avere spesso i bimbi malati a casa causa vacanze, malattie, ponti e altri ed eventiali e dover lavorare con loro a fianco

4. non finire mai tutto quello che dovresti fare, perchè hai sempre un intoppo

5. avere gente che ti chiama a ogni ora, "tanto tu sei a casa"

6. mettiti davanti al pc con 4 risvegli notturni sul groppone!

7. non esistono le parole vacanze, mutua o ferie

8. il baratto: le aziende cercano sempre di inviarti prodotti e mai di pagarti. E se ti pagano, 9 volte su 10 sei sottopagata. Punto. 

9. la gente ti critica: qualsiasi cosa fai, nel bene o nel male, le persone ti criticano. E talvolta le frasi sono davvero brutte.

10. nel week end devi sempre buttare un occhio, perchè spesso i commenti più pesanti e le litigate furiose tra mamme commentando un post avvengono nel week end. Non smetti mai.

 

Per il resto, è il lavoro più bello del mondo!

 

 

Papavero3

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna