Come preparare il seno all'allattamento durante la gravidanza

I nostri consigli per idratare i capezzoli nei nove mesi: come preparare il seno all'allattamento durante la gravidanza

"Il seno della mamma è già naturalmente pronto" spiega l'ostetrica Eleonora Bernardini nel libro Mamme pret a porter edito da Mental Fitness Publishing.  è durante la gravidanza, infatti, che iniziano le modifiche che consentiranno la produzione di latte e l’avvio dell’allattamento.

"Tutte le mamme durante i mesi dell’attesa possono notare un cambiamento del proprio seno: pensiamo, ad esempio, al cambio di colore di areole e capezzoli, al comparire di piccole protuberanze sull’areola, i cosiddetti tubercoli di Montgomery, e a volte anche la secrezione di piccole quantità di colostro...
Spesso, le mamme con capezzoli piatti o rientranti pensano di dover fare qualcosa per facilitare, in futuro, l’attacco del bambino. In realtà, molte di queste donne notano una più marcata protrusione dei capezzoli avvicinandosi al momento della nascita. Anche se questo non dovesse accadere, non preoccupatevi: il bambino non deve attaccarsi al capezzolo, ma al seno, quindi la sua forma potrebbe essere irrilevante. Eventuali problemi si potranno valutare solo dopo la nascita, osservando l’attacco del bambino e, nel caso, aiutandosi con l’uso di paracapezzoli. Per quanto riguarda le ragadi, invece, non c’è nulla che possiamo fare per prevenirle prima del parto: occorre solo adottare un buon attacco al seno dopo la nascita." (ibidem).

Possiamo però tener idratata la pelle, come per altro tutto il nostro corpo. Ottimo a questo fine l'olio di germe di grano da applicare sulla pelle umida tutti i giorni. Un altro olio particolarmente utile, sempre da utilizzare sulla pelle umida, è l'olio di bala, detto anche Bala Tailam, un meraviglioso olio della tradizione ayurvedica specifico per la futura e neomamma. Lo potete trovare qui

Ecco poi una ricetta eccezionale e super idratante adatta a prevenire smagliature e idratare in profondità il seno in gravidanza:

- 250 ml di olio di germe di grano

- due cucchiai di burro di karitè

- due cucchiaini di vitamina E

- 3 gocce di olio essenziale di lavanda

Mescolare insieme gli ingredienti e applicare sulla pelle umida almeno una volta al giorno.

 

Giulia Mandrino

 

Foto credits: STEfaniamasiPHOTOgraphy

SITO: http://stefoto.it/

FACEBOOK: https://www.facebook.com/Stefaniamasiphotography/

INSTAGRAM: https://instagram.com/stefaniamasiphotography/

Ti potrebbe interessare anche

Come fare per allattare quando si è incinta
Fino a quando è giusto allattare?
Omeopatia per il neonato
Come capire se il neonato ha fame

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna