La fotografia in sala parto: emozione allo stato puro

Non stupitevi se bazzicando in giro per il web troverete tantissimi reportage della nascita di figli. Non servizi dei primi giorni di vita, no. Quelli sono catalogabili come "tradizionali". No, parliamo di qualcosa più all'avanguardia, ed esattamente del fotografo che varca le porte della sala parto (o della camera della partoriente, quando in casa) per documentare con minuzia di particolari l'evento più bello del mondo, il parto.

Cos'è la fotografia in sala parto: emozione allo stato puro che racconta la nascita con scatti fotografici

Come tutte le cose, le novità spiazzano sempre un po'. Soprattutto quando si tratta di un argomento delicato come il parto, che già di per sé divide mamme e papà in pro-cesareo, contro-cesareo, fan degli ospedali e integralisti del parto in casa, entusiasti dell'epidurale e talebani dell'approccio completamente naturale, pro e contro parto in acqua e via all'infinito.

Nessuno ha ragione, ognuno ha il suo punto di vista, ed è giusto che ogni mamma affronti questo momento nella maniera che ritiene più adatta a lei e alla sua famiglia.

Quindi, anche per quanto riguarda l'argomento "foto in sala parto" siamo sicure che i fronti saranno opposti e ci saranno battaglie pro e contro.

Ok, è una novità. E ok, spaventa un po' l'idea di avere uno sconosciuto munito di macchina fotografica che sta in mezzo ai piedi in quei momenti così delicati. Ma pensate solo a pochi decenni fa, quando lo "sconosciuto in sala parto che sta in mezzo ai piedi" era il padre del nascituro, che mai e poi mai si sarebbe sognato di entrare nella sala operatoria. Beh, ora è cambiato tutto, e la maggior parte dei futuri padri entra con la mamma, in trepidante attesa, rivelandosi il più delle volte un valido aiuto.

Ecco, il fotografo entra in sala parto. Ed è un professionista: come durante matrimoni e celebrazioni, sa stare al posto suo, a maggior ragione in un momento come questo. E, con un atteggiamento che per forza deve essere quello di spettatore muto e discreto, il risultato non è la fotografia in posa, ma un reportage dolcissimo che documenta dall'interno il momento più bello della vita dei genitori.

Ne volete qualche esempio?

Il fotografo sta con i genitori dall'entrata in ospedale. Le prime immagini quindi documentano tanto l'attesa sui volti quanto il dolore della mamma. Brutale? Forse, ma riguardando poi le immagini questo dolore si trasforma in qualcosa di così puro da volerlo riguardare più e più volte. E arrivando fino alla nascita gli scatti si fanno sempre più dolci e indimenticabili.

(foto 1 http://birthwithoutfearblog.com/2014/05/21/the-natural-hospital-birth-of-sloane-a-birth-photographers-birth-story/)

(foto 2 http://heidicaseyphotography.blogspot.it/2013/08/braelyn-james-north-carolina-birth.html)


(foto 3 http://www.thedaybookblog.com/2011/12/everett-stone-birth-story.html?m=1)


(foto 4 http://www.barefootblonde.com/2014/06/atticus-jon-clark-birth-story/)


(foto 5 http://www.buzzfeed.com/morganshanahan/birth-photos-that-are-worth-having-a-baby-for?crlt.pid=camp.vl6OHQaWxoEZ#.bqr99q2xBy)


(foto 6 https://it.pinterest.com/pin/424956914817000231/)


La meraviglia delle fotografie scaturisce tutta dalla bravura del fotografo, dalla sua professionalità e dalla fiducia che i genitori ripongono in lui. Nel momento del parto è bene circondarsi di persone di fiducia, dall'ostetrica al ginecologo al pediatra, e questo vale anche per il fotografo.

In Italia Afineb si occupa da un paio di promuovere la fotografia dell'infanzia. Prendendo spunto dal mondo anglosassone, nel quale la fotografia in sala parto e nei primi anni dei neonati è ormai una realtà, vogliono promuovere un nuovo tipo di fotografia lontana dal tradizionale ritratto.
Il fotografo deve entrare delicatamente nella vita dei soggetti. In questo modo i servizi e i reportage che ne risulteranno saranno caratterizzati dall'impatto emotivo che suscitano, fortissimo e unico, a differenza della fotografia impostata alla quale siamo abituati.

Le socie fondatrici di Afineb, l'Associazione Fotografia Italiana Neonati e Bambini, sono in prima linea nell'impegno di diffondere questo nuovo concetto, e lo fanno dando tutte le informazioni necessarie sia ai genitori che vorrebbero trovare un fotografo in grado di soddisfare queste minuziose richieste sia ai fotografi che vorrebbero specializzarsi in questi reportage spettacolari.

Provate a sbirciare il loro sito, www.afineb.it: tantissimi articoli e pezzi d'informazione vi aiuteranno a districarvi in questo nuovo mondo. E probabilmente non vorrete più farne a meno: sfogliare gli album tra qualche anno sarà un'esperienza completamente nuova, emozionante ed esteticamente favolosa!

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

Il babyshower di Fattore Mamma, una giornata 100% per la mamma
Nascita, le tradizioni intorno al mondo
Come organizzare gli spazi di casa quando arriva un bebè
Dado vegetale con gli scarti dell'estrattore

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna