Cellule staminali per gli scompensi cardiaci

 

Agosto 2013
Un'iniezione di staminali in vena per curare o addirittura prevenire lo scompenso cardiaco, la sindrome del 'cuore stanco', emergenza epidemica in un mondo che invecchia. E' l'obiettivo al quale sta lavorando un team di scienziati del King's College di Londra, che in uno studio su roditori pubblicato su 'Cell' hanno dimostrato l'effettivo potere rigenerativo delle cellule staminali cardiache, e la loro naturale capacita' di dirigersi verso il cuore nel caso in cui vengano iniettate dall'esterno. Una volta introdotte nel circolo sanguigno, queste cellule ritrovano spontaneamente la strada di casa: per un meccanismo chiamato 'homing', indipendentemente da dove entrano si dirigono verso il cuore e lo ricolonizzano, cosi' da poter fare quello per cui sono state programmate: aggiustare il 'muscolo della vita'. In futuro, quindi, si potrebbe pensare a trattamenti mini-invasivi in cui le staminali del cuore del paziente, coltivate e moltiplicate in laboratorio, vengano reiniettate non direttamente dentro il muscolo cardiaco (iniezione intramiocardica) o nei vasi coronarici (intracoronarica), bensi' attraverso una normalissima puntura sulla pelle, un'iniezione intravenosa. La ricerca e' finanziata dalla Commissione europea attraverso il Settimo Programma quadro. Gli studi clinici, volti a verificare l'efficacia di questo approccio nel prevenire e trattare lo scompenso cardiaco nell'uomo, dovrebbero partire all'inizio del 2014.
Lo scompenso cardiaco si verifica quando il cuore non ha piu' la forza di pompare abbastanza sangue, quindi ossigeno e nutrienti, verso gli organi e i tessuti dell'organismo. Oggi si cerca di contrastare le cause che portano allo scompenso (dalle malattie coronariche all'infarto, all'ipertensione), ma una volta che l'insufficienza d'organo si verifica e progredisce, l'unico trattamento possibile e' il trapianto di cuore. Riuscire a rigenerare l'organo sfruttando la sua stessa capacita' di auto-ripararsi, quindi utilizzando le cellule staminali del paziente, e' un obiettivo che la scienza insegue da tempo. "In un cuore sano - spiegano gli autori dello studio inglese, Georgina Ellison e Bernardo Nadal-Ginard - la quantita' di staminali cardiache e' sufficiente a riparare il tessuto muscolare del cuore. Tuttavia, nel cuore danneggiato molte di queste cellule non riescono a moltiplicarsi o a produrre nuovo tessuto muscolare. In questi casi, potrebbe essere possibile rimpiazzare le staminali danneggiate o somministrate di nuove cresciute in laboratorio".
Fonte: Aduc

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna