“Quanti colori!” di Alex Sanders

Un libro per imparare i colori che finalmente sia diverso dai soliti libri per imparare i colori? C’è! È edito da Babalibri e si intitola “Quanti colori!”. L’ha scritto e illustrato Alex Sanders, artista nato sui Pirenei, e racconta l’essenziale eppure intrigantissima storia di Lulù, il coniglietto curioso che li porterà alla scoperta dei colori.

“Quanti colori!” di Alex Sanders: il nuovo libro edito da Babalibri per introdurre i colori ai bambini, con il giusto tono e un’attraente essenzialità

No, non parla però di tutti i colori. Perché, appunto come dicevamo, “Quanti colori!” non è il solito libro per imparare i colori in maniera didattica e monotona. Non ci sono oggetti e colori da collegare, non ci sono pagine nelle quali balza fuori dappertutto un determinato colore, non ci sono tutti i colori possibili e immaginabili. E soprattutto non ci sono oggetti artificiali colorati dall’uomo, ma solo elementi naturali con i loro colori semplici e schietti, quelli che possiamo trovare ogni giorno nel giardino e all’aperto.

Ci sono solo il verde, il giallo, il marrone, il rosso e il blu. Perché attraverso questo libro i bambini non imparano tanto l’associazione dei colori (che, sì, è implicata e comunque inclusa, perché i bimbi iniziano comunque ad accennare il riconoscimento di questi colori primari), quanto la loro origine, la causa e l’effetto. Imparando anche ad amare la natura, che può essere estremamente divertente.

Quanticolori.jpg

La storia parla di Lulù, coniglietto simpatico e dolce che passa la sua giornata all’aperto, rotolandosi nell’erba (diventando quindi verde! Ecco le cause e gli effetti), mangiando fragole (ed ecco il rosso sul musetto), sguazzando in una pozzanghera (e qui torna l’importanza del fango, marrone e buffo!) e cogliendo dei fiori per la mamma (con il loro colore giallo che rimane sulle zampe). E alla fine il tuffo nel blu dell’acqua, per lavare via tutto.

Le illustrazioni sono bellissime, minimali, semplici e infantili al punto giusto, e le scritte a mano, un po’ in corsivo e un po’ in stampatello, sono davvero attraenti: c’è la storia, ma ci sono anche i suoni onomatopeici (Oplà! Gnam gnam!, Splash!, Oh!), da leggere assolutamente quando recitiamo il racconto!

I disegni parlano ai bambini con una semplicità disarmante e li portano in viaggio con Lulù. Poche parole e pochi disegni: già dai due e tre anni i bambini possono, insieme a mamma e papà, leggere e guardare e rileggere e riguardare (e imparare subito a memoria!) questo piccolo albo illustrato, imparando i colori ma soprattutto prendendo confidenza con il fatto che i colori sono parte integrante della natura, che è proprio madre terra che li produce!

 

Ti potrebbe interessare anche

“Raccontami una storia”, per addormentarsi sereni
9 libri per insegnare l’empatia ai bambini
"Il mio palloncino", quando Cappuccetto Rosso affronta le sue paure
Dura la vita da duro
Il posto giusto
“Avete visto Anna?”
“Ho Caldo!” di Mako Taruishi
Il segreto delle cose
Gigina e Gigetta, un libro sulla fraternità
I libri per bambini sullo spannolinamento
Abitare sottosopra
Nené con l’acqua fa da sé

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter