Essere mamma nel mondo: la maternità a Cuba

Probabilmente tra poco cambierà tutto: l'apertura al mondo ha (finalmente?) permesso a Cuba di confrontarsi con la cultura globale, ed è probabile che molte abitudini varieranno e si rinnoveranno (speriamo però che i bellissimi colori e le tradizioni non scompaiano!).

Ma com'è essere mamma a Cuba, questa bellissima nazione coloratissima e circondata dal mare? Come ogni paese ha le sue abitudini e peculiarità, ma è ancora più interessante degli altri. Il turismo e l'embargo lo hanno reso infatti un paese tutto particolare!

Essere mamma nel mondo: la maternità a Cuba, ovvero cosa vuol dire essere mamma su una grande, bellissima isola tropicale

Innanzitutto, per capire un paese bisogna capire la sua economia. In particolare il suo tenore di vita. I cubani guadagnano molto, molto, molto poco (meno di cinquanta dollari al mese): i prezzi sono certamente più bassi, ma in ogni caso è necessario sapersela cavare. Ecco anche allora spiegato il temperamento gioioso e positivo dei cubani, che hanno la chiacchiera facile e sanno trarre del positivo da tutto.

Anche in cucina: spesso i cibi scarseggiano, anche perché la maggior parte proviene dalle colture locali, e spesso i soldi non bastano; l'improvvisazione è quindi una bella abitudine per far fronte ai problemi pratici senza che diventino insormontabili!

Nonostante il paese sia così povero, la scuola e la sanità sono davvero ottime: la scuola è infatti gratuita e obbligatoria (per questo ci sono moltissimi laureati - anche se alla fine si ritrovano magari a fare i tassisti per guadagnare molti più dollari americani). E per la sanità vale lo stesso principio: Cuba è piena di piccole cliniche nelle quali la gente si reca per ogni problema, dal più piccolo al più complicato. L'unica pecca è che, per forza di cose, la medicina non è così avanzata e tecnologica.

Per quanto riguarda i pannolini, purtroppo a Cuba sono costosi e di bassa qualità, e in generale nei supermercati scarseggiano. Ecco perché spesso le mamme, che non possono nemmeno ordinarli online, utilizzano quelli usa e getta come se usa e getta non fossero, lavandoli, stendendoli e riutilizzandoli. Purtroppo i moderni pannolini lavabili non sono ancora un'abitudine e per questo non si trovano...

Questi problemi tuttavia svaniscono quando per strada la gente ammira il tuo bambino, facendoti sentire davvero fortunata: per anni Cuba ha infatti sofferto di un pesante calo delle nascite, dovuto a moltissimi fattori tra gli economici e i sociali. Ecco perché i cubani sorridono ai bambini, li benedicono, gli toccano le manine: gli vogliono davvero bene. Nei quartieri (che sono sicurissimi: le armi sono pochissime e la criminalità molto bassa) tutti conoscono tutti, e per un bambino è il paese ideale per crescere tranquillo e spensierato!

L'allattamento? Beh, allattare in pubblico non è un problema. Sono poche le mamme che ricorrono al latte in polvere, sia per il costo sia per la scarsità, quindi è assolutamente normale. E, strano rispetto a tutti gli altri paesi, i pediatri consigliano di dare in aggiunta al latte materno anche delle puree vegetali, per assicurarsi che i bambini prendano peso.

E quando i bambini crescono diventano, come tutti i cubani, amanti assoluti dello zucchero. Lo zucchero di canna è uno dei prodotti più esportati, Cuba ne produce moltissimo, e molti dei cibi sono così zuccherati. E in tivù capita spessissimo di trovare esperti che parlano dell'alimentazione elogiando lo zucchero!

Per quanto riguarda i giochi e il tempo libero, non stupitevi se vedrete bambini impegnati in attività super anni Novanta come i rollerblade: qui sta arrivando tutto ora! Anche internet non è ancora radicato nelle abitudini, quindi giocare più analogicamente creandosi i propri giocattoli con ciò che si trova e soprattutto stare all'aperto è ancora l'attività principale.

La danza così come la musica è una grande tradizione di Cuba e coinvolge maschi e femmine indiscriminatamente: dalle strade alle scuole di danza per i più fortunati, sembra che già da piccoli la musica scorra nelle loro vene. 

I bimbi non conoscono gli Ipad e gli Iphone: sembra una benedizione, no?

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

Perfezione, no grazie
La legge della madre di Murphy
Bye bye leggerezza
Mamma che fatica!

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna