Una pre-scuola perfetta in Australia: l’Early Learning Center

E’ sempre difficile tradurre il sistema scolastico di altri paesi in italiano. O meglio: è difficile spiegare classi, anni e scuole di una nazione differente dalla propria. Tuttavia il resto del mondo a volte sembra avere idee e situazioni migliori rispetto alla nostra, soluzioni che bisognerebbe prendere in considerazione in quanto sembrano davvero degli ottimi sistemi d’apprendimento.

Negli Stati Uniti, ad esempio, tra la scuola materna e le elementari esiste un anno transitorio, chiamato pre-school. E in Australia? In Australia esistono asili che in realtà si definiscono più “centri di apprendimento precoce”: nulla di strano, non pensate a mamme che spediscono fantomatici “bambini prodigio” in scuole d’alto borgo. Ora vi spieghiamo cos’è un Early Learning Center, partendo da un bellissimo esempio.

Una pre-scuola perfetta in Australia: l’Early Learning Center che fonda la didattica sull’esperienza, all’interno di un ambiente davvero stimolante

L’Early Learning Center di cui parliamo, “The green elephant” si trova nel New South Wales in Australia e si configura come una sorta di scuola materna per bambini dagli zero ai sei anni. La scuola è aperta per cinque giorni a settimana dalle 7 di mattina alle 6 del pomeriggio ed è situata in un bellissimo edificio pensato appositamente per favorire l’apprendimento dei bambini attraverso il gioco

L’ambiente, infatti, è determinante per i bambini (lo dicono praticamente tutte le esperienze pedagogiche più importanti, a partire da quella di Maria Montessori), che devono sentirsi stimolati a esplorare ed imparare.

(foto 1 http://www.thegreenelephant.com.au/our-centre.html)

Studiati da architetti e pedagogisti specializzati, gli interni della scuola si presentano molto puliti, dai colori naturali, divisi in aree organizzate per permettere il passaggio scorrevole da un’attività all’altra. I bambini, calati in un ambiente ordinato e confortevole, possono decidere se imparare da soli, oppure se collaborare e interagire con gli altri bambini.

Anche l’esterno è pensato per l’apprendimento ludico: i bambini esplorano, si sentono parte dell’ambiente, lo vivono, e in questo modo imparano anche a rispettarlo, a preservarlo e a proteggerlo, studiando le piante, piantando orti e raccogliendo i frutti del proprio lavoro. E, come all’interno, possono sempre scegliere di passare il loro tempo in zone più tranquille e pensate per il rilassamento oppure se giocare con gli altri nei bellissimi spazi del giardino.

(foto 2 http://www.thegreenelephant.com.au/our-centre.html)

Nelle attività della giornata la creatività è sempre al primo posto: secondo gli insegnanti lo sviluppo mentale passa soprattutto attraverso essa, ed è quindi auspicabile incoraggiarla quanto più possibile durante la giornata. 

Ecco perché le maestre propongono ai bambini sempre differenti medium per esprimersi, per esplorare e per costruire, lavorando in una stanza dedicata interamente alla creatività.

(foto 3 http://www.thegreenelephant.com.au/our-centre.html)

E, non ultimo, la mensa alla quale i bambini possono fermarsi per il pranzo è interna, e i cuochi professionisti offrono ogni giorno ai bambini pasti sani, nutrienti e buoni, per imparare fin da subito che una giusta nutrizione è alla base della vita.

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

9 idee per spazi compiti stilosi e organizzati
Il decalogo per dire NO al bullismo
Il cioccolato, fa bene o fa male?
Perchè l’intervallo è fondamentale, anche se viene sottovalutato

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna