Insolazione e colpo di sole, come prevenirli quando le temperature sono altissime

Ormai è evidente: negli ultimi anni non solo gli inverni sono meno freddi, ma le estati sono eccessivamente calde. Non si tratta più solo di allarmi (o allarmismi, come li definiva qualcuno) e di avvertimenti: il cambiamento climatico è reale. È qui. E ha conseguenze dirette sulla salute dei bambini.

Al di là della sensibilizzazione sul tema (non possiamo più nasconderci: il nostro stile di vita va cambiato), è bene prendere qualche precauzione. Perché il caldo non è solo fastidioso o deleterio per il pianeta; è anche pericoloso per la salute. E anche se i classici servizi del telegionale alla bisogna assumere molti liquidi e non uscire nelle ore più calde ci fanno sorridere, è meglio prendere sul serio insolazioni e colpi di sole (da non confondere con i colpi di caldo, che sono ancor più devastanti e pericolosi). Soprattutto quando si parla di bambini (e anziani).

Cos'è l'insolazione

Chiamata anche colpo di sole, un'insolazione è la conseguenza dell'esposizione prolungata ai raggi UV e al caldo eccessivo, soprattutto quando questo è particolarmente umido. 

Il calore, infatti, aumenta la temperatura interna dell'organismo, mentre i raggi solari, con le loro radiazioni, provocano diversi disturbi come malessere generale, nausea, mal di testa...

Il colpo di sole diviene colpo di calore quando la temperatura interna corporea supera i 40 gradi. In questo caso la gravità della situazione è molto alta e c'è da chiamare i soccorsi.

Come prevenire i colpi di sole e di calore

L'idratazione è la prima, vera medicina preventiva contro le insolazioni, non c'è dubbio. Restare idratati è essenziale, ed è importante assicurarsi di bere molto (anche quando non si è abituati a farlo e quando non si sente lo stimolo). Per essere certi di non restare a corto di liquidi ci sono alcuni accorgimenti e trucchi; per esempio, in estate un'ottima abitudine è quella di insegnare ai bambini a bere sempre una bottiglia di acqua prima di andare a dormire (se non hanno problemi di pipì a letto) e una alla mattina, soprattutto quando la giornata successiva prevede molto tempo passato all'aperto, magari ai centri estivi o una gita di famiglia. Giocando e muovendosi sotto il sole, infatti, i bambini (come gli adulti) perdono moltissimi liquidi, ma partire con "il serbatoio pieno" è già un buon inizio.

Tenere sempre con sé una borraccia è un altro accorgimento: i bambini saranno stimolati dalla sua vista a bere di più. Soprattutto se la borraccia l'hanno scelta loro! Mai sottovalutare il potere dei Me contro Te, dei Paw Patrol o di altri personaggi disegnati sulla borraccia.

Per quanto riguarda l'abbigliamento, meglio scegliere tessuti naturali e traspiranti, e soprattutto chiari.

Infine, meglio scegliere sempre zone con tanta ombra e opportunamente ventilate, in modo da evitare il sole cocente (soprattutto nelle ore più calde nel bel mezzo della giornata).

Come curare l'insolazione

Purtroppo, anche prendendo le giuste precauzioni il caldo potrebbe comunque colpire. Te ne accorgerai perché i bimbi si mostreranno stanchi, affaticati e nervosi, meno coordinati del solito, anche se più agitati. In questo caso, meglio spostarsi subito all'ombra, bere altra acqua fresca ed eventualmente mangiare un frutto succoso e fresco, oppure un gelato, per abbassare la temperatura interna del corpo idratandolo allo stesso tempo.

Se accanto alla fatica i bambini sentono anche crampi, allora la disidratazione è ancor più forte e in questo caso dell'acqua addizionata con sali minerali non farà che bene (chiedendo consiglio al/alla farmacista).

Infine, se i bambini mostrano anche nausea e vomito, allora l'insolazione è a livelli molto alti. Anche in questo caso sarà necessario abbassare la temperatura corporea idratando l'organismo allo stesso tempo, chiamando il proprio medico e seguendo le sue indicazioni. Idem nel caso di giramenti di testa e svenimenti: chiamare la guardia medica o i soccorsi è necessario, perché in quel caso il colpo di sole è molto grave.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

Ti potrebbe interessare anche

Gli sport di squadra riducono ansia e depressione
Il cambiamento climatico ha conseguenze sulla salute dei bambini
Gli scatti di crescita esistono: ecco come riconoscerli
Come scegliere la crema solare per bambini più adatta?
Bambini ansiosi: come calmarli quando hanno un attacco d'ansia
Bambini e allergie: c'entra l'intestino
Più i neonati dormono, più si abbassa il rischio di sovrappeso
Balbuzie: combattiamo gli stereotipi
Bambini e miopia: i casi aumentano ed è colpa di DAD, smartphone e tecnologia
Microplastiche nella pupù dei bambini: cosa significa e come mettersi ai ripari
Cistite, le regole per prevenirla e curarla in maniera naturale
Neonati e antibiotici, gli effetti (negativi) sulla crescita

Sara

sara.png

Cecilia

Untitled_design-3.jpg