I “Manuali di sopravvivenza” di Sarah Spinazzola, i libri da cui non possiamo staccare gli occhi!

Sapete quando un romanzo vi prende e vorreste non appoggiarlo più? Ma che allo stesso tempo vorreste non terminasse mai perché poi finirebbe il piacere? Beh, accade anche con i libri per bambini. Anzi, per ragazzi. Perché i romanzi per ragazzi sono spesso deliziosi: cominciano a farsi densi di trama e hanno trovate divertentissime e un linguaggio perfetto per i nostri bambini che cominciano a leggere in autonomia.

Bene: Sarah Spinazzola aveva scritto il Manuale di sopravvivenza senza genitori. Bellissimo! E per la regola di prima, non avremmo mai voluto finisse. La buona notizia è che in questi giorni è uscito il seguito! Si intitola Manuale di sopravvivenza alle scuole medie ed è di nuovo meravigliosamente delizioso.

I “Manuali di sopravvivenza” di Sarah Spinazzola, i libri da cui non possiamo staccare gli occhi


Appassionante ed esilarante, ma anche importante per piccole riflessioni che suscita: si potrebbe riassumere così questo libro (anzi, questa serie che ci auguriamo prosegua!) di Sarah Spinazzola. I suoi “Manuali di sopravvivenza” editi da Marcos y Marcos sono coinvolgenti, divertenti e bellissimi e fanno capire ai bambini cosa significhi davvero il piacere della lettura.

Protagonista è Oliva Riva, che nel primo libro si ritrova di fronte ad una settimana lontana da mamma e papà per andare ad un campo estivo, senza averne per niente voglia! Ne esce così un manuale di sopravvivenza che ne segue le avventure e le amicizie nate un po’ per caso, proprio come accade ai nostri bambini.

IMG_3615.JPG

Nel secondo volume ecco che Oliva si ritrova alle scuole medie, o meglio, alla fine della prima media, dopo aver passato un anno tremendo come può accadere a tutti i ragazzi al passaggio dalle elementari alle medie (o dall’essere bambini all’essere ragazzini!). Di nuovo, una serie di avventure, nomignoli, chiacchierate e contrattempi porteranno Oliva a ideare soluzioni e a redigere regole di sopravvivenza.

IMG_3616.JPG

Il tutto rivolgendosi sempre in maniera diretta ai lettori, inserendo qua e là i suoi consigli di sopravvivenza e utilizzando un linguaggio semplice, diretto e adattissimo a quest’età. I libri sono pensati infatti per i ragazzi dai 9 anni, ma nessuno vieta di leggerli a 8 (o a 32: anche gli adulti possono leggere, stupendosi!, i libri per ragazzi).

Il bello è che certe dinamiche e certe relazioni sono assolutamente vere e realistiche, ed è questa la cosa più coinvolgente e ammirevole! Ed ecco perché piace ai ragazzi e alle ragazze. Un regalo, insomma, che farà felici i bambini, perché è un romanzo davvero piacevole e pensato per incollarli alle pagine, mettendosi nei loro panni e mostrando loro che non sono da soli! Perché Oliva è esattamente come loro.

Ti potrebbe interessare anche

Dove sei, piccolo giallo?
Come fare rispettare le regole attraverso le fiabe
Occhio agli Egizi!
I migliori libri per bambini di 5 anni
I migliori libri per bambini di tre anni
I 10 libri per bambini da leggere quest'estate
A che età cominciare a leggere i libri ai bambini
“Pinocchio” e “La bella e la bestia”, le meraviglie illustrate da MinaLima
I libri vincitori del Premio Strega Ragazzi e Ragazze 2020
Addio Luis Sepúlveda, e grazie
Libri da leggere durante l’isolamento da coronavirus
I più bei libri sul papà
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg