Come parlare del divorzio ai bambini

Un discorso delicato, intenso e pieno di sentimento, da cui non si può scappare: quando una coppia con figli si separa o divorzia, parlarne con i bambini (quando hanno già una certa età) è inevitabile. Come comunicare il divorzio ai propri figli, quindi?

Non c’è naturalmente un metodo uguale per tutti, o una modalità “giusta”; detto questo, ci sono piccole sfumature e piccoli metodi che possono davvero aiutare tanto i genitori nella comunicazione quanto i bambini nell’affrontare la situazione.

Come parlare del divorzio ai bambini: le parole e i metodi più efficaci per affrontare la separazione con i figli

Prima regola: usare parole semplici. Sembra scontato ma non lo è. La chiarezza deve essere sempre la chiave di lettura con cui proporre il discorso ai bambini. Spieghiamo quindi ai nostri figli cosa accadrà, perché si è arrivati a questo, ma soprattutto che, anche se cambierà l’amore tra i genitori, mai cambierà l’amore che mamma o papà hanno nei loro confronti. Essere una coppia, infatti, può cessare di esistere, ma non si può smettere di essere genitori.

Anche per questo motivo, per mostrare ai bambini che genitori lo si sarà sempre (e soprattutto che la genitorialità sarà sempre condivisa) il consiglio è quello di dare la notizia insieme, e non uno alla volta, sia per non dare pesi diversi alle due persone, sia per mostrare questa unione quando si tratta dei figli. Altro motivo per dirlo insieme è fare capire subito ai figli che la decisione è condivisa, e non presa da uno dei due. I bambini, altrimenti, si farebbero l’idea che mamma o papà potrebbero ancora cambiare idea. Ma se la decisione è bilaterale, i figli capirebbero in maniera più realistica la situazione.

“Non siamo più una coppia e purtroppo non c’è niente che tu possa fare, ma è giusto così!” è una frase che possiamo utilizzare proprio per fare capire che la responsabilità non è loro e che è giusto che non stia a loro risolvere i problemi di mamma e papà.

Non dilunghiamoci poi sulle spiegazioni troppo dettagliate: soprattutto all’inizio i bambini non ascolteranno altro, ma si concentreranno sulla macro notizia. Ciò che devono elaborare è già grosso di per sé e li ha già scombussolati parecchio. I dettagli, quindi, arriveranno dopo, anche e soprattutto quando saranno loro a fare domande. Domande che starà a noi stimolare e incoraggiare. A queste domande, quindi, rispondiamo con sincerità, sottolineando sempre che la colpa non è loro.

Una tendenza dei bambini, infatti, è quella di colpevolizzarsi, perché magari ci hanno fatto arrabbiare scatenando il circolo di eventi che hanno portato ai litigi. È importantissimo quindi continuare a rassicurare i bambini: loro non c’entrano, anzi!

Per quanto riguarda la quotidianità, è utile fin dai primi giorni chiarire che le abitudini cambieranno, così come i momenti che si passeranno con l’uno o con l’altro genitore. Esponiamo bene ai bambini cosa accadrà, con le case che diventeranno due, i giorni di scuola che saranno affidati alla mamma o al papà e i weekend viceversa. E per far sì che la transizione non sia troppo dura e repentina, cerchiamo di coinvolgerli: il genitore che lascia la casa, ad esempio, può cercare casa insieme al bambino (se è già abbastanza grande) oppure chiedergli cosa gli piacerebbe ci fosse nella nuova casa.

Un oggetto di transizione è poi molto consigliato: che sia un peluche al quale il bambino è particolarmente legato, o il libro che apprezza di più gli venga letto la sera, oppure il tappeto della camera che tanto ama, possiamo portarlo nella nuova casa.

Infine, cerchiamo comunque di non stravolgere le abitudini: anche spostandosi da una casa all’altra, proviamo a mantenere dei punti e degli orari fermi, come l’ora della nanna, il momento dei giochi, la passeggiata… Sono baluardi in una situazione di incertezza e fanno benissimo ai bambini.

Infine, esistono libri davvero belli e utili che possono venirci incontro: ecco le letture per parlare ai bambini del divorzio.

Ti potrebbe interessare anche

Le parole di Jennifer Garner sul divorzio, una forza per tutte noi
I libri per parlare del divorzio ai bambini
2houses, l'app che facilita la vita dei genitori separati
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg