tRiciclo, Bimbi a Basso Impatto

Scarpine che possono indossare per due mesi e poi il piede cresce. Pannolini che ogni giorno riempiono il cestino. Vestiti che prendono la polvere in scatoloni perché ormai sono “scappati”... I bambini sono bellissimi. Ma sono anche, per loro natura, ad alto impatto ambientale! 

tRiciclo, Bimbi a Basso Impatto: l’associazione che dice stop allo spreco per i nostri bambini riducendo l’impatto ambientale

A cercare una soluzione a questo problema di apparentemente inevitabile spreco infantile ci sta pensando una associazione: tRiciclo - Bambini a basso impatto. E ha trovato una parola (da mettere in pratica) che riassume benissimo il “cosa fare”: condivisione!

L’associazione è nata circa un anno fa, dopo che un gruppo di genitori già da qualche anno stava pensando a come mettere in pratica i suoi principi di basso impatto per bambini. Alla base di tutto c’erano due impegni: l’utilizzo dei pannolini compostabili (acquistati anche attraverso dei gruppi d’acquisto per risparmiare) e lo scambio di prodotti e strumenti tra di loro, in modo da non buttare nulla di riutilizzabile e per non comprare inutilmente niente che già non fosse in circolo.

I genitori si sono così riuniti in associazione, e da allora la loro piattaforma principale (oltre alla pagina Facebook, sulla quale pubblicano anche le notizie più interessanti riguardanti il riciclo, i bambini e le migliori innovazioni sostenibili) è una chat su Whatsapp, nella quale si scrivono le attività e le novità dell’associazione (come ad esempio gli incontri per conoscersi meglio o gli swap party, feste durante le quali si portano gli oggetti che non si utilizzano più per tornare a casa con ciò che ci serve, scambiandoli con gli altri) e attraverso la quale i membri possono pubblicare le offerte di scambio. Vestiti, giocattoli, tutine, scarpe, libri, prodotti... Tutto diventa possibile merce, e potenzialmente in questo modo i genitori, regalando e ricevendo, potrebbero non comprare più nulla!

Naturalmente questo gruppo è quindi piccolo, e i genitori di tRiciclo hanno un sogno: realizzare un’App per smatrphone e tablet che sia una sorta di “Gruppo WhatsApp” allargato, nel quale i genitori possano, da qualunque parte d’Italia, pubblicare le fotografie degli oggetti da scambiare, in modo da allargare questa economia circolare a impatto zero e ridurre il più possibile l’inquinamento e lo spreco, allargando il campo d’azione ma anche allungando il ciclo di vita di ogni oggetto, finché utilizzabile!

Perché l’associazione è di Genova, e per forza di cose il suo raggio d’azione arriva fino ad un certo punto. Ma l’intenzione è nobilissima, condivisibile e pure invidiata (a noi piacerebbe molto fare parte di un gruppo come il loro), e per questo una piattaforma più grande è quanto di più bello si possa immaginare.

Riduzione dei rifiuti e condivisione: due campi davvero interessanti, l’uno perché fa bene all’ambiente e l’altro perché fa bene alla vita. Perché tRiciclo non è solo un momento per fare bene al pianeta, ma anche alle relazioni sociali, creando nuovi legami e creando soprattutto una nuova fiducia nel prossimo.

 

Ti potrebbe interessare anche

Come vivere in maniera sostenibile con “La famiglia zero rifiuti (o quasi)”
Il plogging, che combina fitness ed ecologia
Festa della mamma, regaliamo un albero alla nostra Terra?
Frittata nelle formine, per riciclare le verdure
Po.Etica, per una moda sostenibile ed attenta all’ecologia
Casa ecosostenibile per dare il buon esempio ai più piccoli
Comportamenti ecologici di tutti i giorni
I pannolini lavabili Culla di Teby
Come riciclare le uova di Pasqua
Perché il biologico deve essere la norma, e non l’eccezione
The Heart Followers, la scelta di vita di una famiglia norvegese che sta facendo il giro del mondo
Heritage: le biciclette senza pedali che nascono dal riciclo

Schermata 2018 06 26 alle 18.36.25

 

 

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter