Le regole quando si fa visita ad un neonato

Un elenco di regole semplici e di buon senso da condividere con tutti: quando si fa visita ad un neonato e a dei nuovi genitori è sempre bene avere qualche attenzione in più! Perché la nuova famiglia si sta formando, le routine si stanno assestando, la stanchezza la fa da padrona e bimbi e genitori hanno bisogno di spazio.

Le regole quando si fa visita ad un neonato: quali attenzioni adottare quando si va a trovare una famiglia con un bebè

Chiedere, prima

Invece di improvvisare, cerchiamo di avvisare i neogenitori del nostro arrivo e di chiedere il permesso. Con un neonato i ritmi cambiano, tutto si stravolge, e gestire una nuova routine è difficile. Soprattutto quando per casa arrivano pure gli ospiti, per quanto graditi.

Fare attenzione ai germi

Che i genitori siano iper apprensivi o più tranquilli, il senso non cambia: non si tratta di un figlio tuo, i germi esistono ed è sempre meglio evitare baci. Idem toccare il bebè senza essersi lavati le mani o fare visita con raffreddore o influenza.

Un consiglio, quindi, è quello di lavarsi le mani prima ancora che i genitori lo chiedano. Prima di tutto perché è un sano gesto e poi per evitare che siano loro a dirlo, sentendosi in colpa o fuoriluogo.

Portare qualcosa di utile

Che sia del riso freddo, un gelato, della zuppa da congelare, il bucato stirato… Un bel gesto a cui puoi pensare è sgravare i genitori da qualche compito, come il dover cucinare o stirare. Molto meglio dei fiori!

Evitare le domande intime e scomode (anche se non sembrano tali)

A volte non ci si pensa perché sono discorsi comuni, ma anche i discorsi abituali possono essere scortesi o poco delicati. Ad esempio, non è molto educato chiedere se la mamma allatta al seno, oppure se il bebè “è bravo”, com’è andato il parto, se “ti senti già una mamma/papà?”… Sono domande intime, delicate, a cui ci si aspetta una risposta standard che in realtà non esiste, perché ogni famiglia e ogni persona è a sé.

Non dare consigli non richiesti

Una tendenza comune è quella di raccontare come la zia Ignazia abbia tolto il pannolino al suo bambino prestissimo, come esista quel trucco per farli dormire tutta notte, come ormai il cosleeping sia gettonato… Un conto è parlarne, tuttavia, e un conto è dispensare consigli non richiesti.

Andarsene presto

Soprattutto i primi tempi, stare tutti insieme per molto tempo non sarà sostenibile. I genitori hanno bisogno dei loro spazi e dei loro momenti. Una volta salutati e chiacchierato, quindi, è bene non rilassarsi e accomodarsi, rubando troppo tempo. Soprattutto se il bebè dorme: lascia che i neogenitori ne approfittino per rilassarsi da soli!

Non prendersela

E se la tua amica, tua figlia o tuo figlio ti dicono che preferiscono che non passi? Beh, non prendertela. Il momento è delicato e stressante e non significa che non ti vogliono bene o non ci tengono a te, ma che hanno una confidenza tale da essere sinceri: ci sono momenti buoni e momenti “no”, ed è giusto rispettarli.

Ti potrebbe interessare anche

Le 10 cose inappropriate da NON dire ad una donna incinta
"Dai un bacetto a zia tua"
Ma gli dai sempre le stesse cose povero bambino!
Tutti i falsi miti dell'alimentazione del bambino
Tutti i falsi miti della zia Ignazia sull'allattamento
E' un bambino buono? Non so, forse ho esagerato con lo zucchero
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg