Un libro bellissimo per bambini e bambine? "In 4 tempi" di Bernadette Gervais

La chiocchiola? Paa..aaa...rte!

La foglia verde? Diventa gialla... E poi rossa... E poi cade!

Piccole, piccolissime storie di vita e di natura, che accadono davanti ai nostri oggi ogni giorno e che l'autrice Bernadette Gervais ha riassunto ognuna in quattro tempi. Si intitola proprio così il libro edito da L'Ippocampo di cui vi parliamo oggi: "In 4 tempi"

Un libro bellissimo per bambini e bambine? "In 4 tempi" di Bernadette Gervais

Stampato su carta ruvida che ricorda sensazioni naturali e autentiche, questo libro di Bernadette Gervais è davvero bellissimo: una trentina di piccole storie naturali e quotidiane sono condensate tra le pagine e raccontate in quattro riquardi. Solo quattro: il riccio che si appallottola, la gallina che nasce dall'uovo, le stagioni, la giornata, la nascita di un arcobaleno... L'autrice Gervais riassume in quattro piccole, graziose e immediate scene ogni storia: questo è "In 4 tempi".

Gervais3.jpg

I bambini e le bambine che sfogliano il libro possono inzialmente intuire le minute vicende solo attraverso i disegni, provando a raccontarle con le proprie parole anche prima di imparare a leggere. Si possono poi leggere le didascalie, semplicemente disarmanti e precise, per confermare le piccole storie non solo graficamente, ma anche a parole.

Ciò che emerge e ciò che i piccoli e le piccole imparano sono diversi concetti: la logica del tempo, il suo scorrere e la sua elasticità; ma anche le metamorfosi della natura che è costantemente in trasformazione.

Gervais2.jpg

Le sequenze parlano sia di passaggi brevi (come l'arcobaleno che arriva o l'anatra che attraversa il laghetto) sia di tempi lunghissimi (come le stagioni dell'anno, o il germogliare del papavero). E la chiocciola? La lumaca impiega addirittura sedici riquadri a passare da una pagina all'altra, attraversando tutto il libro! Un grazioso easter egg che piacerà ai bambini e alle bambine più attenti.

Tutto, dolcemente, suscita domande: come fa il tarassaco a trasformarsi da fiore a soffione? Perché il pupazzo di neve a un certo punto scompare? Perché tutto si modifica?

"In 4 tempi" ci piace quindi perché stimola il ragionamento, ma soprattutto l'osservazione di ciò che sta attorno a noi. Non si tratta dei classici "causa/effetto" o "prima/dopo", quindi, ma di illustrazioni e sequenze più delicate, che nella loro essenzialità portano i bambini a soffermarsi sulle cose, ad assaporare la lentezza o la velocità degli istanti, perché tutto è concatenato e grazie a Bernadette Gervais questo concetto non sempre semplicissimo diventa davvero godibile.

A chi lo consigliamo? A tutti i bambini e bambine, anche molto piccoli, sin da quando mostrano interesse e curiosità verso questi disegni, da indagare insieme prima sulla carta, cercando i dettagli anche nel mondo reale.

Ti potrebbe interessare anche

Mio fratello si chiama Jessica: il libro per ragazzi per conoscere la transessualità
"Il maialino di Natale", il nuovo libro di J.K. Rowling
Insegnare i pericoli della montagna ai bambini? Ci pensa un libro
I libri che piacciono DAVVERO a ragazzi e ragazze adolescenti
Margaret Atwood scrive anche per bambini: il suo Tric Trac Trio non può mancare in libreria
Libri estivi per bambini: prendiamo spunto dal Premio Andersen
“Famiglie favolose”, le fiabe tradizionali sulle famiglie non convenzionali
Libri per dislessici, i nuovi romanzi per ragazzi ad alta leggibilità di Mondadori
I migliori libri per bambini per parlare di mafia
I migliori romanzi che parlano (anche) di maternità
Parlare di suicidio ai ragazzi? Ci pensa un romanzo (senza peli sulla lingua)
I migliori podcast per bambini
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg