Un esperimento natalizio: i cristalli di neve

A noi piace moltissimo approfittarne di questi giorni di feste per passare le giornate insieme ai bambini. E ogni tanto è bello anche stare in casa, senza per forza uscire per passeggiate. Stando in casa, tuttavia, bisogno sempre trovare qualcosa di divertente da fare: giochi in scatola, disegni, film in famiglia… Oppure? Esperimenti!

Questo, poi, è tipicamente invernale, poiché con un po’ di lavoro si possono ricreare in una ciotola dei bellissimi cristalli che ricordano il ghiaccio e la neve. Siete pronti?

Un esperimento natalizio: i cristalli di neve da realizzare per passare una giornata in casa tutti insieme

Ecco tutto l’occorrente da preparare: del Sale di Epsom, dei bicchieri in vetro, degli acquerelli liquidi, acqua, una ciotola, una forchetta e il microonde.

Iniziate quindi versando dei sai di Epsom in uno dei bicchieri (oppure in un recipiente più grande, ma che sia trasparente e di vetro). Scaldate poi nel microonde la stessa quantità di acqua per 45 secondi (prendete come unità di misura la tazza: una tazza di sali e una tazza di acqua, e così via, e non scaldate per più di 45 secondi: l’acqua troppo calda scioglie sì più in fretta i sali, ma rischierete di rovinare l’esperimento!).

Prendete ora gli acquerelli liquidi e versatene un po’ nell’acqua, mescolando bene per colorarla. Gli acquerelli sono naturalmente opzionali: servono solo per creare cristalli colorati. Tuttavia, anche quelli trasparenti sono bellissimi! Infine, fate cadere un granello di sabbia nel vostro liquido. Ai cristalli, per crescere, serve qualcosa a cui aggrapparsi, e basterà anche una piccola impurità per far sì che le si arrovellino attorno.

Ora, molto velocemente, versate l’acqua nel bicchiere, mescolate e dopo un paio di minuti il sale dovrebbe sciogliersi del tutto. 

(foto 1 http://babbledabbledo.com/science-for-kids-crystal-garden/)

Il preparato è ora pronto per riposare: mettetelo in freezer per dieci minuti, quindi spostatelo nel vostro frigorifero, sul fondo (dove è più freddo), lasciatelo lì per tutta la notte. Già dopo tre ore i cristalli dovrebbero essersi formati, ma è meglio lasciarli crescere per molto più tempo (e poi, non è una bella lezione di pazienza??).

Il mattino dopo è ora di tirarli fuori: prendete i bicchieri e delicatamente versate l’acqua in eccesso (se l’acqua è colorata con gli acquerelli probabilmente non vedrete i cristalli fino a quando non avrete svolto questo passaggio, mentre con l’acqua trasparente saranno già visibili). Poi, sempre con delicatezza, prendete un pezzo di carta cucina e pulite le pareti del bicchiere dall’acqua e dal sale in eccesso.

Finalmente, il vostro bicchiere di cristalli sarà visibile in tutta la sua magia!

(foto 2 http://artandsoulpreschool.blogspot.it/2014/03/crystals.html)

Dal momento che ogni esperimento è diverso da un altro, nonostante si utilizzino le stesse quantità di materiale, vi consigliamo di provare a realizzare più bicchieri, ciotole o barattoli, in modo che le probabilità di riuscita dell’esperimento (che variano in base a moltissimi fattori, come la temperatura esterna e l’umidità) possano essere ottimizzate.

(foto 3 http://babbledabbledo.com/science-for-kids-crystal-garden/)

Sara Polotti

Ti potrebbe interessare anche

L’estate al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia
15 attività STEM e 5 libri per i nostri bambini
Quando la scienza incontra il divertimento
Regalare esperienze è meglio di donare giocattoli e la scienza ce lo conferma
10 giochi con i rotoli di carta cucina
Bricks 4 Kidz, per imparare la tecnologia con i mattoncini Lego!
PDF scaricabili: il lapbook del mangiar sano
Il calendario dell'avvento: il PDF scaricabile
Regali Montessori a seconda dell’età
Parlare con le amiche fa scientificamente bene
Regali per mamme Waldorf
Autoritratti corporei per bambini

Schermata 2018 06 26 alle 18.36.25

 

 

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter