Troppi giocattoli influenzano negativamente creatività e concentrazione

In un articolo di qualche tempo fa vi avevamo illustrato i benefici di avere meno giocattoli. Non tanto a livello consumistico (che è anche una delle ragioni per le quali dovremmo puntare sulla riduzione dei giocattoli), ma soprattutto per la crescita armoniosa dei bambini.

A dare man forte a queste considerazioni ci pensa ora uno studio scientifico pubblicato sulla rivista Infant Behavior and Development - visibile sulla pagina internet Science Direct - che spiega come il numero di giocattoli influenzi effettivamente i bambini.

Troppi giocattoli influenzano negativamente creatività e concentrazione: l’abbondanza di giocattoli riduce la qualità del gioco dei bambini

I ricercatori Carly Dauch, Michelle Imwalle, Brooke Ocasio e Alexia E.Metz hanno pubblicato su una rivista psicologica questo studio, “The influence of the number of toys in the environment on toddlers’ play”, ovvero “L’influenza del numero di giocattoli nell’ambiente sul gioco dei bambini”.

La loro ricerca si è basata sulla seguente ipotesi: secondo loro, un ambiente con meno giocattoli porta ad alzare la qualità del gioco nei bambini. Attraverso trentasei partecipanti hanno quindi cercato di osservare quanto questa tesi fosse esatta, mettendoli nella condizione di giocare con più o meno giocattoli.

I bambini si sono così trovati a giocare o con quattro giocattoli o con sedici giocattoli, in diversi momenti. Quando giocavano con i quattro giocattoli, i ricercatori hanno osservato che c’erano meno incidenti con i giocattoli, una maggiore durata del gioco e soprattutto una maggiore varietà di gioco con gli stessi giocattoli. I bambini, quindi, quando messi nella condizione di poter giocare con meno oggetti, inventavano varie attività con gli stessi elementi.

Questo ha portato a considerare che quando ai bambini si mettono a disposizione meno giocattoli, questi giocano maggiormente (si concentrano più a lungo), si focalizzano più facilmente sull’attività che stanno svolgendo e soprattutto giocano più creativamente.

Le loro conclusioni parlano dunque chiaro: innanzitutto, l’abbondanza di giocattoli riduce la qualità del gioco dei bambini. Meno giocattoli, invece, aiutano i bambini a concentrasi meglio e a giocare in maniera più creativa.

Per questo gli studiosi si sono sentiti di consigliare a tutti i genitori di ridurre il numero dei giocattoli, senza eccedere, per permettere ai bambini uno sviluppo più sano e armonioso e per promuovere una modalità di gioco più salutare.

Basta un po’ di buon senso per capirlo. Pensiamo solo al passato, e non tanto a quello dei nostri nonni, ma anche al nostro. Quando c’erano meno giocattoli, e soprattutto meno tecnologia, era normale inventare nuovi giochi, nuove attività con i giocattoli disponibili. Era normale uscire fuori, oppure giocare in casa ai giochi di ruolo, senza per forza usare giocattoli ma mettendo in campo tutta la nostra fantasia.

Oggigiorno, invece, sembra che abbiamo paura della noia, e riempire le camerette dei bambini di giocattoli è normale. In realtà la noia è grande alleata della creatività, e la creatività è una competenza importantissima per la crescita, perché non serve solo durante l’infanzia, ma durante tutta la vita.

Ti potrebbe interessare anche

Perché la pedagogia di Winnicott è ancora attuale
8 giochi Montessori per bambini della materna
Dove comprare i giochi Montessori
"A volte mi annoio"
Come rendere i bambini responsabili
Il Programma Baby Signs, perché lo scambio comunicativo genitori-figlio è importantissimo già nei primi due anni di vita
L’educazione positiva per contrastare i comportamenti negativi
I modi alternativi per dire “Bravo!”
Le frasi per bambini che hanno paura del buio
I 7 materiali migliori per il gioco libero
Tornare al corsivo per allenare mente e anima
Inizia la scuola, i nostri bambini crescono

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter