Asparagi: proprietà e benefici

Ortaggio tipicamente primaverile, gli asparagi hanno un sapore inconfondibile che nella maggior parte dei casi piace, ma che ad alcuni, al contrario, non aggrada per niente. Se sei tra quelli che adorano gli asparagi, buone notizie: questi piccoli fusti verdi (o bianchi!) hanno diverse proprietà e notevoli benefici, soprattutto in termini di depurazione e detossinazione dell'organismo. 

Ecco tutto ciò che c'è da sapere sugli asparagi.

Cosa sono gli asparagi

Gli asparagi sono dei succulenti e gustosi ortaggi che stagionalmente crescono in primavera (ma che al supermercato trovi anche surgelati tutto l'anno) e che presentano una forma e un sapore bizzarri, se paragonati a tutte le altre verdure. Questi fusti lunghi e stretti sono infatti dei germogli (o turioni) che necessitano di una coltivazione non sempre semplice. 

Ne esistono diverse varietà; le più diffuse e conosciute sono gli asparagi verdi, quelli bianchi (più delicati), quelli selvatici e quelli viola di Albenga.

Le proprietà degli asparagi

Ricchi, come altri ortaggi, di vitamine (A, C, E e K), sali minerali (come il cromo, che attiva l'insulina) e fibre (ottimi quindi per il tratto gastrointestinale), gli asparagi sono conosciuti più che altro per le loro proprietà diuretiche, dal momento che questa verdura stimola la filtrazione renale. Al contempo, hanno pochissime calorie (20 ogni 100 grammi).

Altro elemento interessante è l'acido folico: 100 grammi di asparagi, infatti, permettono di raggiungere il 75% del fabbisogno giornaliero di questo elemento (dato interessante anche per le donne in gravidanza).

Quando evitarli

Per gli stessi motivi per i quali gli asparagi sono ritenuti benefici e depurativi, per alcune persone possono essere pericolosi, proprio per l'iperstimolazione diuretica. Nel caso in cui si soffra quindi di gotta o iperuricemia, è bene evitarli. 

Meglio non mangiarli, quindi, anche in tutti i casi di problemi ai reni (nefropatie).

Perché la pipì puzza di asparagi

Agendo, gli asparagi, essenzialmente sui remi e sul drenaggio dei liquidi, il fatto che facciano puzzare la pipì non deve stupire né preoccupare. Mangiandoli, infatti, il 60% della popolazione percepisce il loro odore andando in bagno. Questo è dovuto alla presenza di alcuni cataboliti che rimangono nelle urine e quando si percepisce questo odore tendenzialmente si è di fronte ad un soggetto sano la cui filtrazione renale sta funzionando correttamente.

Ricette con gli asparagi

Oltre a bollire gli asparagi per circa 20 minuti consumandoli con olio e sale, è possibile cucinarli in diverse maniere per sfruttarne appieno gusto e proprietà. Ecco qualche ricetta:

Asparagi al forno gratinati

Risotto di farro con asparagi

Polpette di avena e asparagi

Ti potrebbe interessare anche

Asparagi al forno gratinati
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg