Come scegliere un omogeneizzato

Fare l’omogeneizzato in casa è certamente la scelta migliore. In generale, comunque, c’è da dire che gli omogenizzati già pronti sono molto comodi. L’importante è non basare l’alimentazione dei bambini solo su quelli, ma utilizzarli solo ogni tanto.

Ma quale omogeneizzato già pronto scegliere?

Come scegliere un omogeneizzato: quali sono gli omogeneizzati migliori, biologici e senza sale aggiunto

Quando parliamo di svezzamento e di alimentazione dei bambini ci sono alcune regole base da seguire, che sono quelle del buonsenso. I genitori dovrebbero offrire ai bambini un’alimentazione equilibrata e sana, varia, che offra ai piccoli il fabbisogno energetico necessario alla crescita, i nutrienti giusti e le sostante protettive per l’organismo.

Ciò che dobbiamo tenere sempre a mente, in ogni caso, è che l’alimentazione fatta in casa e i cibi freschi sono sempre buoni e che hanno già al loro interno tutti i nutrienti di cui i bambini hanno bisogno. I prodotti che troviamo al supermercato e che gridano al “ricco di calcio”, “ricco di ferro”, “organico” non sono veritieri. O perlomeno non lo sono in relazione alla nostra percezione, perché sono sì ricchi di queste sostanze, ma questo non significa che l’alimentazione normale non ne sia provvista. Anzi: i cibi comuni sono adatti sì ai bambini, che già dai sei mesi sono provvisti di un intestino in grado di digerire praticamente tutto.

Ecco perché dobbiamo puntare su una dieta varia ed equilibrata anche quando parliamo di svezzamento.

Per quanto riguarda gli omogeneizzati, questi sono il “baby food” per eccellenza, soprattutto per la loro consistenza, che permette ai bambini di ingerirli senza pericolo. Preparare in casa le pappe è quindi consigliatissimo, poiché in questo modo introduciamo nella dieta del bambino i cibi più vari, e soprattutto lo facciamo non in maniera industriale, ma casalinga.

Detto questo, gli omogeneizzati industriali non fanno male. Sono semplicemente diversi da quelli fatti in casa, e contengono solitamente un po’ meno sostanze nutrienti, perché in una pappa comprata la carne, il pesce e le verdure non superano solitamente il 20 o il 30 percento della composizione. Quando li scegliamo, quindi, dobbiamo puntare su omogeneizzati buoni, biologici, con percentuali di verdure alte, senza sale aggiunto, senza zucchero aggiunto, con olio di oliva e non di palma o di cocco.

Un marchio davvero buono è Hipp, i cui omogeneizzati sono preparati con prodotti provenienti da agricoltura biologica e da allevamenti rispettosi e sostenibili e che non contengono sale aggiunto.

Anche Alcenero propone omogeneizzati prodotti con ingredienti italiani, carni scelte allevate in Italia, senza aromi, conservanti, coloranti e olio.

Per quanto riguarda gli omogeneizzati di frutta, gli omogeneizzati Holle sono tra i migliori: questo marchio utilizza frutta non acida e delicata, maturata con il tempo necessario e che conserva il suo sapore naturale, senza aggiunta di zuccheri. Ogni vasetto è realizzato con il 100% di frutta, tutta proveniente da agricoltura biologica.

Anche gli omogeneizzati di frutta Humana sono prodotti con quasi il 100% di frutta per ogni vasetto, proveniente da coltivazioni biologiche e senza conservanti chimici. Non ultimo, contengono solo gli zuccheri della frutta.

Ti potrebbe interessare anche

Come preparare un omogeneizzato in casa
Perché il biologico non è una bufala (secondo noi!)
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg