Prima settimana con il bebè: i consigli spassionati che ti svolteranno la vita

Questi che troverai qui sotto sono consigli utili soprattutto per le neomamme, ma che certamente saranno apprezzati e sfruttabili anche a chi è al secondo o terzo figlio. Naturalmente, si tratta di consigli per chi ha partorito o per chi ha adottato un neonato nei primi giorni di vita, e non alle famiglie che trascorrono la prima settimana con un bambino o una bambina già più grandicelli: in quel caso, i consigli possono essere diversi e ad hoc, anche se la stanchezza può essere comparata! I neonati e i bebè, infatti, hanno ritmi tutti loro che sconvologono moltissimo le giornate.

Ecco quindi qualche consiglio spassionato per godersi al meglio la prima settimana a casa con il bebè, suggerimenti utili per vivere al meglio un periodo stravolgente senza lasciarsi sopraffare.

Evita le faccende superflue

Quando arriva un bebè in casa, questa pare soccombere al caos! È vero, ma è anche vero che non sta a te preoccupartene. Quando torni dall'ospedale, è bene che ti concentri sul neonato che è entrato con te dalla porta, seguendo i suoi ritmi e cercando di godere a tua volta di questo periodo strano e unico.

Non preoccuparti quindi troppo della casa, accetta qualche aiuto esterno (se c'è) e rilassati per un attimo. Il tempo di trovare una nuova routine ci sarà, ma per ora è giusto che tu stia tranquilla, e che il bebè ti goda nella rilassatezza reciproca.

Dormi quando lui/lei dorme

Un consiglio che probabilmente avrai già sentito e che è estremamente valido: la privazione del sonno è problema comune con i neonati, perché hanno orari diversissimi dai nostri e cicli sonno veglia più corti e frequenti. Invece di cercare di dormire solo di notte, approfitta anche dei pisolini del bebè e riposati.

Svuota il freezer

Insieme al tuo compagno o alla tua compagna, adagiati per un po' sugli allori e questa settimana provate a fare il meno possibile. Un consiglio è quello di cucinare tutto ciò che avete preparato prima della nascita: lasagne vegetariane, melanzane alla parmigiana, vellutate, polpette... Congelando tutto, avrete pasti pronti e semplici - ma caldi e casalinghi! - per tutta la settimana.

Affidati ad un/una professionista dell'allattamento

Se stai pensando di allattare al seno, probabilmente in ospedale hai già cominciato a farlo, ma possono volerci giorni - se non settimane! - per trovare il giusto equilibrio e riuscire a farlo al meglio, senza dolore e con le giuste modalità. La prima settimana a casa può quindi essere l'occasione giusta per cominciare subito ad allattare bene, affidandoti a specialisti dei consultori locali o suggeriti dall'ospedale, che organizzano visite individuali o corsi in presenza a seconda di ciò che hai bisogno.

Chiedi aiuto senza timore

La nostra società addossa sulle spalle delle mamme un sacco di responsabilità e di aspettative onestamente inconcepibili. Non sei una supereroina e non sei un fallimento se trovi tutto difficile e faticoso: lo è! Non tenerti quindi tutto dentro ma chiedi aiuto sia fisicamente per le faccende, se ne hai bisogno, sia mentalmente. La tua vita è stata stravolta, gli ormoni sono scombussolati, e potresti adorare fin da subito la nuova quotidianità quanto odiarla. Nessuna madre è uguale ad un'altra, per quanto la cultura ci voglia fare credere che esistano una mamma perfetta e un modo di essere madri legittimo.

Ti potrebbe interessare anche

Corredo per il neonato: come scegliere i capi più comodi e confortevoli
Cos’è l’indice di Apgar e perché è importante
La doppia pesata è davvero utile?
La baby checklist, ovvero le cose da fare prima della nascita
Come creare il corredino del bambino
8 consigli per i papà che vogliono sentirsi più vicini ai loro figli quando la mamma allatta
Come rendere il momento del bagnetto divertente con 10 giochi
I controlli del neonato passo passo
3 tecniche dall’Oriente per diminuire le coliche
Contro il pianto del bambino è efficace l’agopuntura
Nascita, le tradizioni intorno al mondo
La comunicazione non verbale con il neonato
 

Cecilia

Untitled_design-3.jpg