Arrampicarsi sullo scivolo è pericoloso? No, fa benissimo!

Sarà capitato a tutti i genitori di bambini tra i tre e gli otto anni: al parco ti distrai un attimo e te lo ritrovi arrampicato sulla casetta, sullo scivolo, sull’albero lì accanto.

I bambini hanno un desiderio incredibile di arrampicarsi e, forse già molti lo sanno, anche una capacità innata di farlo. Già da piccolissimi si ritrovano con l’istinto all’arrampicata e in effetti ci sono moltissimi video di bimbi piccini che, aiutati da mamma e papà (in sicurezza, sia chiaro!) riescono a salire le pareti per l’arrampicata.

Ma allora perché ci arrabbiamo e ci preoccupiamo quando i nostri figli si arrampicano sullo scivolo al contrario? Ecco delle buone ragioni per lasciarglielo fare!

Arrampicarsi sullo scivolo è pericoloso? No, fa benissimo! Le ragioni per le quali dovremmo lasciare che i nostri bambini provino a salire lo scivolo al contrario

Arrampicarsi rafforza il fisico dei nostri bambini, le loro braccia e le loro gambe. E possiamo considerarlo a tutti gli effetti uno sport. Avete presente quanta forza ci vuole per arrampicarsi? Moltissima! E oltre alla forza i bambini svilupperanno un’ottima coordinazione, eseguendo movimenti tutto fuorché quotidiani, e quindi sconosciuti.

Imparare il senso del pericolo è un altro dei benefici dell’arrampicarsi sullo scivolo al contrario, poiché i bambini capiscono i loro limiti, si fanno male (a volte, ma sempre in un ambiente protetto, con angoli smussati, altezze non esagerate e tappeti morbidi a terra), prendono le misure… Insomma, imparano a muoversi e ad arrivare fin dove possono.

I bambini, poi, arrampicandosi sullo scivolo danno sfogo ad un istinto innato, quello alla salita e all’arrampicata, e questo è davvero benefico e soddisfacente per loro.

Sviluppano una abilità perfetta che potranno sfruttare poi nella natura. E ricordiamoci che giocare all’aria aperta, nella natura vera e non solo nel parco giochi attrezzato, è fondamentale per la loro crescita.

È probabile che quando decideranno di impegnarsi in questo gioco ci sarà qualche altro bambino che li seguirà, o loro per primi seguiranno qualcuno che lo sta già facendo. Lo scivolo, però, è uno spazio limitato, piccolo e stretto, e per questo potranno giocare ad arrampicarsi uno alla volta, non di più. Ecco allora il beneficio: questo è un gioco che stimola il conflitto positivo, perché i bambini dovranno risolvere la voglia di giocare subito facendo i turni, parlando, litigando anche, ma alla fine risolvendo.

L’arrampicata stimola la creatività, perché i bambini cercheranno tutti gli stratagemmi possibili per fare meno fatica e per arrivare in cima senza intoppi. E stimola anche la cooperazione, perché, quando con altri, cercheranno di unire le forze (quando non in conflitto per lo scivolo!), allungando le mani per aiutarsi, cercando nuove spinte collaborative e trovando la cima insieme.

L’arrampicata stimola la costanza e la voglia di arrivare al successo, ma anche il senso del fallimento come tappa inevitabile per riuscire in qualcosa. Già, perché non ce la faranno al primo tentativo, cadranno, scivoleranno, ricalcoleranno i movimenti da mettere in atto, finché, alla fine, con costanza, riusciranno ad arrivare in cima.

Infine, i bambini imparano la fiducia (in loro stessi prima di tutto) e la responsabilità: quando vedranno che ci stiamo fidando di loro, faranno attenzione e cercheranno di non farsi del male. E piano piano, tornando al discorso sul pericolo, impareranno i loro limiti. Ricordiamoci sempre che il gioco “rischioso” (anche se in sicurezza) è fondamentale: chi sbaglia impara non potrebbe essere più azzeccato, come proverbio, soprattutto durante la crescita.

Ti potrebbe interessare anche

Quando la sicurezza dei parchi gioco diventa un problema
Le più belle altalene fai-da-te
I bambini hanno bisogno del rischio
7 spunti per l’arrampicata in casa
Mary, la mamma che gira per parchi gioco in tutto il mondo

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

Newsletter