Le fonti vegetali di proteine durante lo svezzamento

Durante lo svezzamento le proteine sono fondamentali: quando parliamo però di queste spesso si fa riferimento a carne, latte e formaggi e uova. In realtà le proteine si trovano anche e sopratutto in alcuni tipi di vegetali e a differenza di quelle animali sono assolutamente benefiche per l'organismo.

Le fonti vegetali di proteine durante lo svezzamento: quali sono gli alimenti vegetali fonte di proteine da inserire dai 6 ai 12 mesi nello slattamento del nostro bambino

Innanzitutto, le proteine possono essere prese dagli alimenti vegetali più conosciuti per questa funzione, e cioè i legumi. I fagioli, i ceci e compagnia bella possono essere introdotti già a partire dai 7/8 mesi, ed è una buona notizia perché essi sono preziosissimi. Le proteine, infatti, sono alla base della crescita e i bambini nel periodo dello slattamento ne hanno bisogno come non mai.

Inoltre, a differenza della carne, sono una fonte migliore di proteine, poiché le proteine dei legumi, pur essendo prive di amminoacidi essenziali, non contengono tutte le scorie e le tossine delle proteine animali. Per avere questi amminoacidi essenziali, tuttavia, basterà abbinare i legumi ai cereali, che ne contengono, assicurando così ai bambini tutto ciò di cui hanno bisogno in questo periodo.

Dai 7 mesi, quindi, possiamo inserire questi legumi, e la quantità raccomandata, almeno nel primo periodo, è di 1 o 2 cucchiaini una volta al giorno. Si può tranquillamente iniziare con delle lenticchie rosse o gialle decorticate, inserendo via via gli altri legumi.

Per evitare però che fermentino nell’intestino, sarà nostra premura lasciarli in ammollo per almeno 10 o 12 ore con 2 foglie di alloro, scolandoli bene e facendoli cuocere in acqua pulita secondo le indicazioni di cottura, aggiungendo un pezzetto di alga Kombu all’acqua (massimo 1 cm di alga a settimana) o una foglia di alloro, un trucco che li renderà ancora più digeribili e assimilabili. Noi, li facciamo cuocere a vapore, utilizzando il nostro cuocipappa, dopodiché li aggiungiamo alle pappe e omogeneizziamo il tutto (sempre con il nostro Easy Meal, che ha più funzioni e che è quindi comodissimo!).

Fino ai 12 mesi è sempre meglio cuocere i legumi in un brodo separato da quello del brodo per la pappa, proprio perché non sono facilmente digeribili. Tuttavia dall’anno di età possiamo iniziare a prepararli insieme a tutte le altre verdure (scegliendo varietà che prevedono gli stessi tempi di cottura, in modo da buttare tutto insieme nel boccale e rendere tutto più semplice). Non abbandonate però l’alga Kombu: quella è sempre preziosa!

Altra fonte di proteine è la frutta secca. Questa può essere introdotta solo a partire dagli 8 mesi, sempre con attenzione: essendo alimenti potenzialmente allergizzanti, è bene introdurli con cura, facendo attenzione alle reazioni e iniziando con piccolissime quantità. Possiamo quindi utilizzare mandorle e latte di mandorle (ricchissime di calcio), uvetta per merenda. Ma anche torte con farina di mandorle e le carote, polpette con frutta secca tritata, della pastina con pesto e pinoli o una colazione con latte vegetale, cereali e frutta secca (tutto frullato, in modo da ottenere una pappina deliziosa!).

Ti potrebbe interessare anche

Quando l’estetica passa dalla natura
Gelato alle more
I bambini e l’apprendimento delle lingue
Gelatine di frutta con l'estrattore
Gelato al pistacchio
Smoothie ai lamponi
Pappa di sogliola
Polpette di lenticchie
La prima torta in bicchiere per lo svezzamento
La pappa al nasello
Ghiaccioli al latte di mandorla
Ghiaccioli sfiziosi

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter