La ricetta della prima pappa

Come iniziare lo svezzamento? Qual'è la ricetta base? Per dare le risposte pratiche e concrete di cui abbiamo bisogno noi mamme ecco che abbiamo pensato di dedicare un intero capitolo a questo tema nel nostro libro Mamme pret a porter, Il primo anno insieme, Mental Fitness Publishing. Seguendo sempre i nostri consigli generali sullo svezzamento (o slattamento come preferiamo chiamarlo noi), il nostro calendario dello svezzamento naturale e ricordandovi che l'OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità sconsiglia vivamente di introdurre alcun alimento prima dei sei mesi e si effettua almeno 3 settimane dopo dalla somministrazione della frutta e si propone a pranzo.

Ecco la ricetta della prima pappa da proporre al proprio bambino all'inizio dello svezzamento: i consigli di mammapretaporter per preparare la prima pappa al proprio bambino

Ingredienti:

1 litro d'acqua

3 carote

2-3 cucchiai colmi di farina di riso non integrale (la quantità varia a seconda del tipo di farina usata).

1 cucchiaino da tè di olio extravergine di oliva spremuto a freddo

1/2 cucchiaino da tè di olio di semi di lino spremuto (trasportato e conservato in frigorifero).

1 cucchiaino di semi di sesamo o di mandorle in crema o polverizzati

5 gocce di limone

La farina di cereali, rigorosamente senza glutine e non integrale (quindi mais, miglio, grano saraceno, riso) si trova nei negozi di puericultura, supermercati e farmacia: è già pronta e preparata per l'uso, basta versarla nel brodo e girarla bene in modo che non si formino grumi.

Per la preparazione del brodo mettiamo un litro d'acqua a bollire e inseriamo al suo interno 3 carote prive di buccia e tagliate a pezzettini. Quando l'acqua si sarà dimezzata avremo il nostro brodo. A questo punto toglieremo la carota e metteremo circa 200 g di brodo in un piattino. Inseriremo quindi la nostra farina di riso mescolando bene. Aggiungiamo poi l'olio di oliva, l'olio di semi di lino, la crema di semi di sesamo o mandorle (si trova nei negozi bio) e 5 gocce di limone che favoriscono l'assorbimento del ferro.

Dopo 3 giorni di prova con l'olio di oliva, via con un altro cambiamento: al posto della carota metteremo la zucchina; dopo tre giorni proveremo carota e zucchina insieme; sempre dopo 3 giorni proveremo una nuova farina che potremo unire al brodo o di carota o di zucchina o di carota e zucchina. Sarà una farina sempre senza glutine, come ad esempio quella di miglio. Ed ecco che in un batter d'occhio è già passato più di un mese tra fruttini e prime pappe. Alcuni bimbi avranno molta difficoltà ad accettare il cucchiaino e a nutrirsi di qualcosa diverso dal nostro seno o dal biberon: poco importa, sappiamo che non ci sono problemi perché è il nostro latte che crea i mattoncini per una crescita sana. IL LATTE MATERNO PUO' ESSERE L'ALIMENTO ESCLUSIVO FINO ALL'ANNO E DEVE (COME CONSIGLIA L'OMS FIN DAL 2012) PRESENTE FINO AI 2-3 ANNI DEL BAMBINO. Se così non fosse è necessario integrare con un latte vegetale formulato, quindi un latte in polvere vegetale. 

Giulia Mandrino

Ti potrebbe interessare anche

Smoothie ai lamponi
Pappa di sogliola
La prima torta in bicchiere per lo svezzamento
La pappa al nasello
Le pappe per lo svezzamento contro le intolleranze
6 sughi colorati per lo svezzamento
Smoothie goloso al cioccolato
Lo smoothie di primavera
La pappa rosa
La pappa dolce
7 idee di risotti per lo svezzamento
8 pappe di pesce per lo svezzamento

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter