Il brodo: istruzioni per l’uso nello svezzamento

A partire dai 6 mesi di vita il nostro bambino potrà finalmente cominciare ad essere svezzato, alternando al latte materno qualche pappa di verdura e un po’ di frutta. Queste pappe possono essere buone, sane e saporite, e non solo tristi come ce le immaginiamo: la regola è sempre quella del pensare “ma io, lo mangerei”? I nostri  bambini stanno infatti sviluppando il gusto e il senso del cibo, e uno svezzamento naturale vario e ragionato è il modo migliore per accompagnarli nella crescita.

Alla base delle pappe c’è sicuramente il brodo, alimento semplice ma nutriente, ricco di tutti gli elementi necessari ad una buona crescita. Inizialmente lo si mischierà solo con della farina, per ottenere una sorta di cremina per fare sentire il sapore ai bimbi; dopodiché le verdure utilizzate per la bollitura o meglio ancora cotte a vapore potranno essere omogeneizzate, rendendo il tutto più gustoso.

Questo brodo, però, deve essere preparato con cura e sicurezza. I brodi pronti, infatti, non sono una delle scelte più sane… Se tuttavia pensate che sia una fatica prepararlo a casa, non preoccupatevi: non è così, ma soprattutto una volta che inizierete a prepararlo con le vostre mani vi renderete conto che è davvero un’altra cosa. Naturale, saporito, colorato… Niente a che vedere con le brodaglie già pronte in bottiglia! E il bello è che potrete scegliere voi le verdure da utilizzare, in base a stagionalità e preferenze.

Ecco quindi una semplice guida al brodo: come prepararlo, come scegliere le verdure e quale strumenti di cottura scegliere.

Il brodo: istruzioni per l’uso nello svezzamento. La nostra guida per conoscere questo alimento alla base dello svezzamento dei nostri bambini

1. La prima regola della preparazione del brodo durante lo svezzamento è partire da verdure base (zucchine, carote, zucca) per poi aggiungerne pian piano di nuove, sempre seguendo la stagionalità. Iniziate con una verdura per volta, e aggiungete le altre sempre singolarmente ad ogni nuovo brodo: solo in questo modo si terranno sotto controllo eventuali intolleranze o allergie del bambino, in quanto si potranno individuare facilmente gli alimenti che hanno provocato reazioni.

2. La seconda regola è quella di non utilizzare il sale almeno per i primi mesi dello svezzamento.

3. Inoltre, l’olio andrebbe sempre aggiunto alla fine, a crudo, in modo da non soffriggere durante la cottura e non aumentare così i grassi.

4. Le solanacee come il pomodoro, le patate, i peperoni e le melanzane, dovrebbero essere introdotte dopo l’anno a causa del contenuto elevato di solanina presente in esse: questa sostanza, un alcaloide glicosidico, può innalzare i livelli di infiammazione dell’organismo.

Ed ecco ora il procedimento per ottenere un brodo perfetto. Prendete una verdura per tipo, lavatele e sbucciatele e tuffatele in un litro d’acqua fredda (mai utilizzare l’acqua già calda: solo partendo dall’acqua fredda le verdure rilasciano il loro sapore fino in fondo). Mettete la pentola sul fuoco e portate ad ebollizione, abbassando poi la fiamma e lasciando cuocere per circa un’ora.

Passato il tempo necessario, colate il liquido (lasciando quindi fuori le verdure). Ed ecco che il vostro brodo è pronto per essere gustato o utilizzato come base per le ricette da svezzamento.

La prima pappa che potete preparare è semplicemente del brodo stemperato con della crema di riso: mettine 3 o 4 cucchiai in 160 grammi di brodo, mescolando fino ad ottenere una cremina non troppo liquida.

Tornando quindi al procedimento, vi abbiamo detto che il tempo necessario per preparare un brodo è di circa un’ora. Questo vale per le pentole normali. Con quelle a pressione potete invece abbassare il tempo, lasciando cuocere per soli venti minuti.

Esistono poi dei praticissimi robot da cucina pensati proprio per le pappe dei bambini. Per la preparazione dei soli pasti per bimbi, invece, noi utilizziamo il cuocipappa Easy Meal, che cuoce a vapore, omogeneizza, frulla e trita, riscalda e scongela (e di bello ha che è realizzato in polipropilene 0%BPA, e quindi è davvero sicuro per i bimbi): in questo caso otterremo il brodo dall'acqua rilasciata dalle verdure durante la cottura a vapore. 

Giulia 

Ti potrebbe interessare anche

Il cappuccino più buono che abbiamo mai provato
Collezioniamo esperienze
Anna Paghera, essenze naturali estasianti
Little Pier, il concerto per bambini a Roma il 24 settembre
Quando l’estetica passa dalla natura
Gelato alle more
I bambini e l’apprendimento delle lingue
Gelatine di frutta con l'estrattore
Smoothie proteico con semi di chia
Gelato al pistacchio
Pappa di sogliola
La prima torta in bicchiere per lo svezzamento

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter