Portare rispettando lo sviluppo della colonna

Un bambino è in continua crescita e la naturalità del suo sviluppo non deve essere assolutamente forzata. La colonna vertebrale, organo forte ma allo stesso tempo molto delicato, va protetta: gli effetti di abitudini sbagliate pos- sono manifestarsi in modo grave anche dopo tanto tempo e saranno più dannosi se i problemi sono stati trascurati.
Il Dr. Jean Pierre Meersseman, uno tra i massimi esperti di chiropratica e kinesiologia, ricorda a questo proposito che la colonna di un neonato è lunga il 40% del suo corpo, e questa proporzione verrà mantenuta anche da adulto.
Alla nascita misura circa 24 cm e crescerà del 50% nel primo anno di vita. Nei quattro anni successivi, la colonna continuerà a crescere di circa 15 cm fino ad arrivare a una lunghezza media di 51 cm. Tra i 5 e i 10 anni crescerà an- cora di 10 cm. Una volta arrivata la pubertà e sino all'età di 18 anni, si allungherà in media di altri 20 cm nei ragazzi e 15 cm nelle ragazze. Ne deduciamo che la formazione della colonna vertebrale è più significativa in un periodo di tempo limitato: nei primissimi anni di vita.
Non sono solo le dimensioni a mutare nel tempo, anche la forma della colonna varia molto nei primi mesi: nella fase di gestazione il bambino è in posizione curva, e lo è anche la sua colonna vertebrale che assume la forma della lettera C. Alla nascita inizia una trasformazione che si concluderà in età adulta, per cui gradualmente la curvatura a C della colonna vertebrale si orienterà nella forma di doppia S. Il supporto scelto deve sostenere il vostro bambino in modo uniforme, rispettando quindi la naturale curvatura, e per nessun motivo egli deve sembrare "appeso": come si può leggere nel capitolo 5 del mio libro Lasciati Abbracciare,Mental Fitness Publishing, essere dannoso per le sue anche. Tra i vari portabebè a disposizione (si veda il capitolo 7 del mio libro Lasciati Abbracciare dedicato alla descrizione dei modelli), la fascia — che permette di avvolgere e sostenere bene il bambino — è sicuramente un buon supporto nella prima fase di crescita.


L'immagine qui sopra ritrae il tenero approccio tra due bam-bini nell'indifferenza degli adulti; è una sintesi di ciò che NON va fatto: il bambino a sinistra è visibilmente apppeso, quello a destra è a probabile rischio caduta. Inoltre, in questa posizione i genitori non hanno diretto controllo su ciò che accade ai loro figli.
Nella foto qui sotto, invece, l'approccio gioioso tra le due bambine avviene sotto lo sguardo vigile dei genitori e in una postura corretta.

 


Le naturali curvature della spina dorsale.

La colonna del bambino cresce, dunque, rispettando diverse fasi. Le sue trasformazioni avvengono grazie allo sviluppo motorio e mu- scolare: verso i 3 mesi il bebè inizia a sollevare la testa, e la porzione cervicale della colonna comincia ad assumere la sua forma a C rovesciata, chiamata "lordosi cervicale". Secondo la Dr.ssa Evelin Kirkilionis, autrice del libro A Baby Wants to be Carried, un bambino "indossato" in posizione verticale mentre viene portato fa esercizio e sviluppa i muscoli del collo più velocemente. Verso i 6 mesi, il bambino inizia ad adottare una posizione seduta (in cifosi) e stira le vertebre dorsali, poi progressivamente prova a stare in piedi, formando una lordosi della parte lomba- re spostando il bacino. Quest'ultimo processo inizia quando il bambino fa i suoi primi tentativi per tenersi diritto e si completa quando riesce a camminare. Il portabebè deve accompagnare e non contrastare tale naturale sviluppo.


Mi preme precisare, onde evitare confusione, che quando parliamo di "curvatura a C" non intendiamo la "posizione a C", che è la postura totalmente innaturale assunta dal bambino in un portabebè quando (ad esempio, portato non correttamente nella cosiddetta "posizione a culla orizzontale") il suo corpo si chiude e il mento arriva a premere sul petto, schiacciandone potenzialmente il diaframma. Questa postura viene anche detta "a banana" e può essere molto pericolosa.

La testa di un bebè, infatti, è pesante e fino a circa 4 mesi il bambino non ha ancora sviluppato bene la muscolatura per riuscire a sostenerla da solo. Attenzione, quindi, anche ai portabebè (chiamati pure babybag, "borse per bambini") che possono farlo scivolare in questa posizione: rischierebbe di soffocare, soprattutto se soffre di difficoltà all'apparato respiratorio. Approfondiremo il tema nel capitolo 8 di Lasciati Abbracciare, dedicato alla sicurezza."

Licia Negri, Lasciati Abbracciare, Mental Fitness Publishing

Ti potrebbe interessare anche

Il Rebozo messicano
Il Kanga africano
Le domande sul babywearing più comuni
Il falso mito dell'indipendenza

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna