Lo yoga che aiuta a diminuire i dolori mestruali

Noi donne abbiamo bisogno di curare con amore il nostro organo riproduttivo (e il nostro organismo in generale) non solo se se si sta pensando di andare incontro ad una gravidanza. Purtroppo quando diventiamo mamme questo aspetto viene meno e dimentichiamo di essere regolate da un ciclo: eh si, perchè mensilmente il nostro corpo ci ricorda che siamo donne, che abbiamo questa grandissima opportunità di concepire, di dare la vita, insomma, siamo esseri "speciali". 

Ecco che allora nel giorno precedente il ciclo e nei giorni successivi, almeno i primi due, dobbiamo cercare di ritagliare del tempo per noi stesse, rilassarci, coccolarci e chiedere aiuto, sopratutto al nostro partner. 

Se alcune di noi non percepiscono alcun dolore, per altre il ciclo è un vero supplizio: in questi giorni infatti l'endometrio produce prostaglandine che generano contrazioni uterine. Dopo aver effettuato una visita ginecologica che escluda la presenza di patologie come endometriosi o fibroma uterino, è bene sapere che possiamo fare molto per limitare e contenere i dolori mestruali. 

Ecco alcuni rimedi e posizioni di yoga per mestruazioni dolorose: cosa fare quando il ciclo è dolorso con i consigli di mammapretaporter.it

Omega 3: è fondamentale diminuire lo stato infiammatorio dell'organismo, per cui potete assumere un cucchiaio di olio di semi di lino o un buon integratore di omega 3, meglio se di origine vegetale.

Decotto di salvia: bere per almeno 3 mesi tutte le sere un decotto si salvia, realizzato facendo bollire in un pentolino acqua e salvia fresca (una tazza abbondante con due foglioline di salvia). Facciamo bollire 5 minuti, poi spegniamo e lasciamo riposare altri 5 minuti con un coperchio.

Fare yoga regolarmente: innanzitutto, praticare lo yoga si rivela efficace perché stimola l'ossigenazione, ma anche per la sua capacità di migliorare la postura, aumentare la forza fisica e la tonicità e di rendere qualitativamente migliore la circolazione, che ha effetti diretti sugli organi riproduttivi (che in questo modo sono nutriti al meglio). Basta quindi scegliere un tipo di yoga non troppo dolce ma nemmeno troppo pesante, come l'hatha yoga, che si concentra sul respiro, sul rilassamento e sulla postura con movimenti lenti e consapevoli.

Tra le posizioni più benefiche troviamo la Supta Buddha Asana. Supine sul tappetino, unite i palmi dei piedi a formare un rombo con le gambe, per poi avvicinarli sempre di più al busto, con le ginocchia il più possibile a terra. Questo movimento massaggia dolcemente gli organi interni più bassi, e cioè l'utero, le ovaie, i reni e (per gli uomini) la prostata, allunga l'inguine e l'interno coscia, apre il plesso solare e migliora la circolazione.

 


(foto 1 http://emmanewlynyoga.com/2014/09/04/practice-supta-baddha-konasana-supine-bound-angle-pose/)

Esattamente come la precedente, la posizione dell'"ostrica" (o, meglio, Kurmasana) va a stimolare e massaggiare gli organi riproduttivi e aiuta la circolazione, oltre che il rilassamento. Sedute sul tappeto, unite i palmi dei piedi, flettete le ginocchia, infilate tra esse le braccia e il busto e con le mani afferrate le caviglie.

foto 2 http://www.thesecretsofyoga.com/Ashtanga/kurmasana.html

Le ovaie, insieme agli addominali, possono essere stimolate attraverso la posizione Malasana. Conosciuta anche come "la ghirlanda", essa allunga i muscoli delle cosce e dell'inguine e migliora la circolazione - diventando un ottimo rimedio per i dolori mestruali.

Per raggiungere la posizione è meglio passare attraverso tre step. Per prima cosa, siediti sui talloni con le ginocchia che guardano verso l'alto e afferrando il bordo di un tavolo ascolta la tua spina dorsale che si allunga.


(foto 3 http://yoganga.com/articles/malasana/)

Togli poi le mani dal tavolo e appoggiati, tenendo le braccia ben allungate in avanti, con l'osso sacro ad una parete.


(foto 4 http://yoganga.com/articles/malasana/)

Infine abbassa il collo e le spalle fino ad afferrarti i talloni con le mani, con la fronte appoggiata sul tappetino o comunque verso terra (non è assolumente necessario toccare). Sentirai la schiena allungarsi e i muscoli pelvici trarne subito beneficio!

(foto 5 http://yoganga.com/articles/malasana/)

LA redazione di mammapretaporter.it

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna