Gli errori da non fare quando si utilizzano gli oli essenziali

I benefici dell'aromaterapia e degli oli essenziali in generale sono innegabili: essi aiutano a mantenere il nostro di benessere fisico ed emotivo e ci aiutano ad alleviare numerosi disturbi e disfunzioni. Ma siamo sicuri di usarli nella maniera corretta? Purtroppo troppo spesso gli oli essenziali vengono usati in maniera errata, grossolana e talvolta pericolosa.

Ecco gli errori da non fare quando si utilizzano gli oli essenziali: dalla provenienza a quelli più tossici, consigli per un uso corretto

 

1. Innanzitutto, prima di acquistare i nostri oli essenziali (meglio se bio!) dovremmo essere sicuri al 100% dell'affidabilità di chi ce li sta vendendo: ormai si trovano ovunque, spesso a prezzi ribassati, ma non per questo significa che siano di buona qualità. E una scarsa qualità, attenzione, si riflette sia sull'efficacia (che è naturalmente diminuita) sia sulla sicurezza generale. 

Alcuni accorgimenti per capire se l'olio è un buon olio?

 

2. Partite guardando la boccetta, che deve essere:

- sempre di vetro marrone o blu

- mai riempita fino all'orlo.

 

3. Poi fate attenzione agli ingredienti:

- non devono mai essere "profumi", e ciò che riporta il nome deve riportarlo anche l'etichetta.

- la distillazione deve essere a corrente di vapore, mai attraverso l'utilizzo di solventi

 

4. Attenzione in parcolar modo ai bambini e alla gravidanza: ecco i nostri consigli

 

5. Mai usarli per via orale a meno che siate seguiti da un medico esperto in oli essenziali: i danni possono essere importanti e permanenti!

 

6. Un accorgimento quando si compra l'olio di YlangYlang è leggere sempre se è di prima, seconda o terza scelta (si riferisce alla distillazione), preferendo sempre la prima.

 

7. E quando si prendono quello di Rosa Damascena, quello di Nardo Himalayano e quello di Sandalo considerate la provenienza: la migliore è rispettivamente dalla Bulgaria, dall'Himalaya e da Mysore.

 

8. L'olio essenziale di Rosa costa moltissimo, stiamo parlando di cifre che vanno dai 50 ai 90 euro a seconda della quantità presente e dalla qualità. Diffidate di oli essenziali di rosa dal costo basso, quindi 10, 15 euro. Come alternativa potete utilizzare un 5ml di Rosa Damscena (costa circa 10 euro) oppure optare per un mix di oli essenziali di Rosa, come quello splendido de La Saponaria

 

9. Un altro errore è quello di versare gli oli essenziali direttamente sul cuscino prima di andare a dormire. Alcuni oli potrebbero essere irritanti, quindi è sempre meglio versare le gocce su un fazzoletto o un batuffolo di cotone, appoggiandole poi sul comodino.

 

10. Attenzione agli oli essenziali di agrumi se vi esponete al sole: sono fotosensibilizzanti, quindi irritano la pelle, anche in maniera importante, se ci si espone al sole. evitiamo quindi di spalmarci burri o oli contententi limone, arancio, lime, bergamotto etc se sappiamo che ci esporremo al sole. 

 

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

Oli essenziali in gravidanza, cosa usare e cosa non usare
Gli oli essenziali perfetti per la stagione autunnale
I metodi per diffondere gli oli essenziali
Gli oli essenziali che aiutano il bambino a fare la nanna

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna