Eccito-tossine: il veleno dei bambini di oggi

Mi rendo conto che se per 40 anni si è mangiata pasta bianca e carne rossa e latte la mattina e formaggio grana per le ossa sia difficile modificare o anche solo comprendere che questi alimenti non solo non sono necessari al nostro corpo ma sono anche dannosi e indigesti. Sulla questione zucchero bianco mi si rivoltano abbastanza le budella al pensiero che nel 2015 venga ancora considerato un alimento sano, fonte di energia da noi mamme, per cui diamo ai nostri figli le fragole con lo zucchero bianco sopra. Ma da una parte forse posso ancora comprendere.

Ma sul gran calderone conservanti e merendine mi sembra di essere rimasti al paleolitico. Basta porsi una semplice domanda: come fa una merendina a essere fatta solo con latte fresco e soffice pan di spagna (quindi uova) e conservata a temperatura abiente? Come fa una caramella a essere azzurra? Come è possibile che uno yogurt sia sano se profuma di caramella gommosa? E tutto ciò ovviamente passando da una catena distributiva. Ecco, senza mettersi a leggere ingredienti credo che queste domande siano proprio facili facili e forse lecite dato che siamo noi mamme a scegliere cosa mettere all'interno del corpo dei nostri bimbi che a sua volta li farà crescere. 

Ma lasciamo i sentimenti a parte e cerchiamo di spiegare bene le conseguenze: nessuno vuole fare allarmismo, una caramella una volta ogni due settimane o una volta a settimana non cambia la vita a nessuno ma la costante assunzione non solo di cibo completamente errato appunto come pasta bianca e latticini, ma anche merendine and co ricche di eccito-tossine mattina e pomeriggio non può che danneggiare i nostri piccoli ed è giusto che le mamme ne prendano coscienza a mio parere.

Le eccito-tossine sono additivi come l'aspartame e il glutammato monosodico che si trovano in moltissimi alimenti conservati. Il glutammato monosodico è l'ingrediente principale dei dadi presenti in commercio ed è riconoscibile dalla sigla E621; può non essere inserito tra gli ingredienti ma può essere contenuto nei prodotti a base di proteine vegetali idrogenate di cui è ricchissima l'industria dolciaria. Queste sostanze posso alterare, come spiega il dott. Sears, la chimica del cervello: studi sperimentali infatti (purtroppo effettuati su animali) sembrano confermare che alcuni degli ingredienti aggiunti all'interno di merendine, caramelle e prodotti dolciari possono non solo alterare ma anche danneggiare parti delle cellule cerebrali chiamte mitocondri, ossia i centri energetici delle cellule, che a loro volta  impediranno il corretto funzionamento del sistema neurovegetativo. I passaggi specifici che creano questa concatenazione non sono ancora ben chiari ma alcuni ricercatori ritengono che le eccito-tossine giochino un ruolo attivo nello sviluppo di alcune patologie come ad esempio il Morbo di Parkinson e l'Alzheimer. Sappiamo però per certo che questi additivi non svolgono alcuna funzione dal punto di vista nutrizionale.

Guardate poi il video che trovate in basso e comprenderete i reali effetti su un bambino che assume alimenti ricchi di queste sostanze: la rapidità degli effetti delle eccito-tossine sono molto più accentuati nei bambini rispetto che negli adulti. Secondo il neurochirurgo Russell Blaylock, autore di "Excitotoxins: The Taste That Kills", il cervello di un bambino è 4 volte più sensibile a queste tossine rispetto a quelle degli adulti. 

Quindi per il bene della tua famiglia è utile evitare questi alimenti

Aspartame

Glutammato Monosodico

Oli vegetali idrogenati

Oli vegetali non idrogenati

Olio di palma

BHT e altri conservanti

Rosso #40

Blu #1

Giallo #6

e tutti gli altri coloranti 

Farine raffinate e cereali raffinati

Zucchero raffinato

 

Invece questa è la lista di cibi più utili per il cervello

Mirtilli

Noci

Spinaci

Cavolfiori

 

Giulia Mandrino

Fonte: https://www.drsearswellnessinstitute.org/blog/2014/12/excitotoxins/

Video

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna