Le mamme di oggi sono davvero sole?

Un pensiero forse scomodo, un articolo che starà antipatico a molte, forse. Ma è un’idea che mi sono fatta in questi anni, ascoltando le mamme (future e neo) e leggendole sui social e nei forum: è così vero che le mamme di oggi sono sole?
E’ vero, rispetto ai tempi delle nostre nonne (o bisnonne) la società è cambiata: la famiglia è sempre più ristretta e meno numerosa, ci si chiude generalmente intorno al piccolo nucleo composto dalla coppia e dal/i figlio/i, i contatti tra donne sono sempre più sporadici, e se ogni volta che vengono a trovarti la zia, la suocera, la cugina, la sorella e persino tua madre, l’occasione diventa la gara del consiglio non richiesto più stupido e fastidioso del mondo, allora meglio chiudersi dentro le mura di casa e non vedere nessuno.

Tuttavia, in internet è sempre più alto il numero di forum o di gruppi di mamme sui vari social in cui è possibile scambiarsi consigli, condividere esperienze, sentirsi meno sole specie nelle difficoltà ma anche – molto spesso, purtroppo – insultarsi (ma di questo parleremo in un altro articolo...).
Dicevo, se i gruppi di mamme in internet, molto spesso suddivisi per regione geografica o addirittura per città, sono così folti e pieni di future e neo mamme attivissime con la tastiera, perché non uscire di casa e incontrarsi veramente, una volta per tutte?

Occorre per forza iscriversi a 300 corsi per confrontarsi con donne alla pari? E lo dico teoricamente contro i miei stessi interessi, dato che insieme alle mie colleghe ogni giorno in studio abbiamo diversi corsi ed appuntamenti dedicati alle future e neomamme (questo perché ci piace fare informazione e creare possibili luoghi di incontro e di scambio). Conosco tante donne che grazie all’esperienza della maternità organizzano gruppi, incontri e a volte si costituiscono addirittura in associazioni, per il piacere di creare insieme qualcosa, trovarsi, fare rete. Ma a volte fanno fatica, i progetti non decollano, le adesioni sono scarse. Come se fosse indispensabile proporre il corso sull’ultima fricchettonata o il super incontro del secolo per attirare l’attenzione.

Proponi semplicemente una festa, una merenda, un aperitivo, e le adesioni saranno scarse. Sembra non basti più la voglia di stare insieme, di chiacchierare, di guardarsi negli occhi e scambiarsi due parole.
Certo, forse alcune diranno “Ma che me ne frega di conoscere altre persone, ho già le mie amiche, i gruppi facebook li uso perché mi vengono comodi...”. E se abbiamo un problema e scriviamo chiedendo aiuto su uno di questi gruppi e non riceviamo risposta entro 5 minuti, apriti cielo. Avessimo messo il naso fuori di casa magari avremmo avuto un numero di telefono da fare, un’amica che ci sarebbe venuta a trovare, una carezza per essere consolate.

Disconnettiamoci dal web. Cerchiamo donne e mamme che organizzano incontri, intorno a noi. Facciamoci promotrici di occasioni di scambio. Basta essere in due. Non è una gara e non occorre fare le cose in grande.
Oppure, smettiamo di lamentarci della solitudine.

Ostetrica Eleonora Bernardini

www.acasaconte.com

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna