La felicità non corre

Corri corri corri. Prepara i bambini per portarli a scuola e nel mentre pensa alla cena. Vai a lavoro e nel mentre pensi cosa fare nel week end. Ti siedi a costruire un castello delle fate e pensi che vorresti tanto essere con la tua amica in una spa. Arriva il sabato e programmi una pizza con i tuoi amici il 24 del mese successivo. 

Una cosa che ho scoperto dopo molti anni di corse, un po' dettate dall'accudimento e un po' da paturnie mie e dalla voce che ho in testa di mia mamma che qualsiasi cosa faccio non è mai abbastanza perchè sono "atavicamente pigra dentro", è che non sapevo vedere la felicità davanti a me, e correvo e guardavo sempre al domani e a cosa volevo fare e progettare e avere, si avere: sicuramente ha inciso che la parte di accudimento e interazione con il bambino nei primi anni di vita (quindi cognitivamente non sviluppato com'è normale che sia) è stato per me davvero faticoso e pieno zeppo di solitudine. Ma anche quando effettivamente potevo rilassarmi mi aggrappavo a dei "devo" che riflettendoci ora non avevano proprio senso: dalla casa, allo shopping, al lavoro, a conoscenti. Cosa dovevo dimostrare? A chi dovevo?

Poi un giorno la mia bimba grande mi disse: "Mamma tu sei qui con me ma non sei qui con me". E aveva ragione. Io non ero assolutamente lì con lei, stavo pensando a cosa cucinare e ad altro. Ma era adavvero necessario? No, non lo era, solo che non ero capace a stare lì, nel qui e nell'ora, dove effettivamente risiede la felicità. Era così noioso giocare con loro? Perchè mi veniva quel senso di ansia? Perchè non sapevo godere dell'attimo.

Non ringrazierò mai abbastanza i miei figli per avermi insegnato questo, per avermi fatto capire il vero concetto buddista che la sofferenza nasce dal desiderio, mentre la gioia è nel presente. Ed è così, basta un attimo per rovinarla, è un fiore delicato che si nutre di sorrisi e di amore, del lasciar perdere le cose e le persone non importanti, negative o che non hanno nulla a che fare con il tuo mondo. Se pensi a queste cose sei condannato all'infelicità, mentre se sei capace di fermarti e non essere ingordo di vita ma amante della vita tutto è diverso. 

"La felicità è una scelta. Tu sei l'unica persona che può renderti felice. Tu sei felice esattamente quanto tu vuoi esserlo" - Rick Warren -

Papavero3

Ti potrebbe interessare anche

Come creare una classe felice
Felicità e voti? Tutto collegato
Una bellissima lettera di una mamma ai suoi bambini
Una casa minimal significa mamme felici!
Quando sei troppo stanca per fare la mamma
Essere mamma è nelle piccole cose
Non vestirò mai mia figlia di rosa
Dal blog di Ellen Seidmann la riflessione sul lavoro infinito delle mamme di oggi
Gli scatti di Celia Sanchez contro gli stereotipi della maternità
Un Natale sereno per famiglie separate, istruzioni per l'uso
10 motivi per trascorrere la vigilia di Natale a casa senza parenti
Perfezione, no grazie

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter