La cosa che voglio di più per mia figlia

La cosa che voglio di più per mia figlia quando sarà adulta, oltre chiaramente la sua salute, è una e semplice: che non sposi un uomo egoista. Sembra facile ma non credo lo sia, o almeno per me non lo è stato. 

Credo esistano due categorie di donne: quelle con al proprio fianco un uomo, e quelle con un adolescente. Mio marito alla veneranda età di 40 anni non ha ancora capito le cose basilari della convivenza in famiglia. Lui è uno di quegli uomini che magari, un paio di volte al mese ti aiutano a sparecchiare ma appunto, ti aiutano. 

Io a 19 anni vivevo a Milano con due amiche e inovina indovinello, nessuna mi "aiutava" a lavare il cesso, ma tutte a turno lo facevamo; coinvinta che anche per lui il meccanismo fosse lo stesso ci siamo sposati ma "suprise", per lui è compito della donna occuparsi della casa, non importa se lavori 8 ore al giorno, non sono cazzi suoi. Ma sopratutto "lui è stanco", per cui il divano è il suo trono, il suo luogo in cui ha il diritto a non essere disturbato.

La psicologia spiccia dice che scegli il tuo compagno basandoti sul paragone con tuo padre: o scegli un partner uguale a lui, o l'opposto. 

Spero figlia mia che tu sarai in grado trovare un uomo migliore per te, spero davvero che tu riesca ad avere la capacità di amare uomini che non ti trattino come la donna delle pulizie (che per altro beata lei viene pagata), ma che vedano la casa come la vostra casa, la cena come qualcosa da preparare insieme; spero che tu possa trovare un uomo che sia in grado di non perdersi nei meandri dei suoi bisogni, ma che riesca a vedere anche i tuoi. 

Lo spero tanto amore mio, perchè si soffre tanto di fianco a persone così, e fidati, ce ne sono tante: ma ciò che mi sconvolge di più è la quantità di donne che vedano come "normali" questi comportamenti, perchè "eh, si sa, sono uomini, la maggior parte sono così". Ma come si fa? Io divento una iena, allora per qualche giorno lo vedi intento a fare la sua parte e a uscire dal ruolo di ospite reale, per poi ricadere al primo piccolo intoppo o semplicemente a una giornata un po' più pesante del solito, sul suo divano reale. 

Io credo fermamente che ci siano uomini diversi, e per questo spero con tutta me stessa che tu possa trovare e scegliere proprio questi: la cosa più difficile per me sarebbe vederti commettere lo stesso errore che ho commesso io. 

Perchè percepire la casa come qualcosa da coltivare insieme e di cui prendersi cura in sinergia per me è la base della complicità, del rispetto e della buona educazione.

Papavero 3

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter