Ho davvero poco latte?

Spesso le mamme, a un certo punto dell'allattamento, iniziano ad avere dubbi rispetto alla produzione di latte. Le motivazioni di questa preoccupazione possono essere diverse:

sensazione di seno sgonfio: abituate alla tensione mammaria tipica del primo mese, quando il seno inizia a regolarizzarsi, pensano erroneamente di avere meno latte;

se il bambino piange o è poco consolabile, soprattutto nelle ore serali (vedi articolo sul pianto nelle ore serali), pensano subito che stia mangiando poco perché il loro latte è diminuito;

se aumentano la frequenza delle poppate in seguito a uno scatto di crescita (evento assolutamente normale), pensano che stia mangiando di più perché il latte scarseggia;

se il bambino non segue la curva di crescita imposta da alcuni pediatri, probabilmente è colpa loro perché producono poco latte.

Insomma, si tratta spesso di motivazioni esterne, indotte anche da chi sta intorno alla mamma. Ma come capire allora se c'è davvero poco latte?

Uno dei primi parametri da prendere in considerazione è l'incremento di peso del bambino. Se l'aumento di peso non soddisfa una sana curva di crescita, si deve valutare la situazione. L'ostetrica osserva una poppata e chiede alla donna di raccontare il diario dell'allattamento per capire cosa sta succedendo: quante poppate fa il neonato nelle 24 ore, per quanto tempo sta attaccato, quante volte si scarica, quanti pannolini bagna. Analizza i dati disponibili ed eventualmente, concorda con lei un nuovo piano di allattamento, considerando come si sente la mamma: se è molto stanca, se c'è qualcosa che la preoccupa, se è in buona salute, come sta vivendo questa esperienza, chi le sta vicino. Se la crescita rallenta, spesso è sufficiente aumentare la frequenza dei pasti, drenare meglio il seno e il problema è già risolto. Anche l'uso del tiralatte può essere utile per stimolare maggiore produzione di latte. Non esistono difficoltà insormontabili: abbiate sempre fiducia nelle competenze del vostro corpo!

Angela Dinoia in Il neonato e i suoi segreti, Mental Fitness Publishing

Ti potrebbe interessare anche

Mimi Stevenson, mamma sopravvissuta e paladina dell’allattamento
Come curarsi durante l’allattamento?
Carlos Gonzales, il pediatra che ci dice davvero cosa serve ai bambini
E voi, la fareste la balia?
Le belle parole di Olivia Wilde sull’allattamento
Quando le immagini della maternità si trasformano in opere d’arte
La mamma che allatta durante il travaglio è la nostra nuova super eroina
La delicata provocazione dell’angelo di Victoria’s Secret a favore dell’allattamento
Come fare per allattare quando si è incinta
Fino a quando è giusto allattare?
Omeopatia per il neonato
Come capire se il neonato ha fame

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

banner 300x250chebuoni

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter