Come rendere il momento del bagnetto divertente con 10 giochi

Quando il vostro bimbo inizia ad interagire, comincia anche quel periodo durante il quale i momenti quotidiani come la pappa o il bagnetto diventano finalmente divertenti, attimi familiari che si trasformano in occasione per giocare e per passare il tempo con il proprio bimbo, che apprezza moltissimo quando una situazione apparentemente obbligatoria si trasforma in qualcosa di ludico!

Oggi vi parliamo proprio del bagnetto: la solita paperella è ormai superata, e il nostro partner nel progetto salute Miniland Baby con il suo Bath Kit ci ha dato la giusta idea, scatenando la nostra fantasia! Ecco quindi le nostre 10 idee per godersi ancora di più il momento del lavarsi!

Come rendere il momento del bagnetto divertente con 10 giochi: le nostre 10 proposte per attività acquatiche da poter svolgere insieme al vostro bimbo tutti i giorni, durante il lavaggio quotidiano nella vaschetta o nella vasca da bagno

Preparate quindi vaschetta, acqua calda e sapone! Si inizia con la stimolazione dei sensi, che può essere un gioco eseguito da subito ma che diventa davvero divertente a partire dai quattro mesi, quando il bambino comincia ad afferrare gli oggetti con le sue manine. Approfittate dei materiali usuali che utilizzate durante il bagno e lasciate che i bimbi li tocchino, scoprendoli con le mani, con il corpo e con la bocca: spugne di diverse consistenze (come ad esempio quella contenuta nel Bath Kit di Miniland), salviette di tessuti differenti (da quelle in spugna a quelle in cotone, bagnate o asciutte), saponette naturali...

Divertente è anche dotare la vasca di uno specchio (ce ne sono fatti apposta di plastica per non rischiare pericoli), continuando una di quelle attività montessoriane che solitamente eseguiremmo in situazioni “normali”, fuori dalla vasca, e cioè il gioco dello scoprirsi attraverso il proprio riflesso.

Anche se il bagnetto già di per sé è ricco di bolle, perché non aumentarne la quantità? Prendete una di quelle pistole giocattolo per creare le bolle, o i soliti aggeggi per soffiarle con il fiato, e tutto sarà ancora più divertente.

Con delle spugne abbastanza grandi e basic potrete ritagliare delle maschere o dei cerchietti per trasformare i bimbi in principi, principesse, re, supereroi o chiunque loro vogliano essere. Fateglieli indossare durante il bagnetto, dopodiché leggete una storia o inventatene una insieme, giocando un po’ alla recita.

Per rendere il bagnetto ancora più interessante esistono poi dei naturali coloranti per acqua adatti ai bambini, in forma di pastiglie o palline che si sciolgono. Fategli trovare l’acqua ogni volta di un colore differente, inventandovi poi la storia più intrigante: il rosso è un geyser pericoloso, il blu è il brodo di mago merlino che vuole papparsi quel bambino, il rosa è il bagnetto delle principesse...

Ma i giochi con i colori non finiscono qui, perché in commercio esistono dei pennarelli fatti apposta per essere utilizzati durante il bagnetto: disegnare sul proprio corpo è una delle attività più affascinanti per i bambini, anche perché è un po’ un “tabù” e un divieto durante il resto della giornata!

A volte la tradizione è la migliore scelta. Perché se sono diventati un classico, un motivo c’è, e sta tutto nel divertimento: parliamo dei pupazzi da bagnetto, che ai bambini piacciono sempre e che sempre devono avere con loro durante il lavaggio. Fanno loro compagnia, li stimolano, permettono di inventare storie e giochi liberi... Prendete ad esempio quelli del Bath Kit di Miniland Baby: un orso polare e un ippopotamo che diventano in un attimo amici. Nel kit, poi, è inclusa anche una simpaticissima tigre-termometro da appendere tra il doccino e il tubo: serve essenzialmente ad evitare che il bambino si scotti per l’acqua troppo alta (grazie all’indicatore visivo e immediato), ma rende il momento molto più divertente rispetto ai soliti termometri noiosi e “da adulti”.

Scommettiamo che avete in casa le famose letterine magnetiche da appendere al frigorifero. Prendetele e gettatele nella vasca: basterà creare una canna da pesca con un bastoncino, un filo e un pezzetto di metallo per organizzare una simpaticissima pesca alfabetica durante il bagnetto!

Prendete poi le marionette da mani, quei pupazzetti alti tre o quattro centimetri da infilare su ogni dito. Il momento del bagnetto si trasformerà così in una divertente scenetta di pupazzi: inventate la storia man mano insieme ai bimbi e divertitevi a immergere i pupazzi nell’acqua!

Infine, tirate fuori dalla borsa del mare maschera, boccaglio e occhialini: si può fare immersione anche in casa! E cosa c’è più affascinante per un bambino del poter guardare con i suoi occhi cosa succede sotto il pelo dell’acqua? Potrete anche disseminate, oltre ai pupazzi da bagnetto, dei sassolini, delle finte alghe e altri materiali che affondano: la ricerca sarà ancor più coinvolgente!

Ti potrebbe interessare anche

Ricalcare le cortecce
Il topponcino Montessori
Il cappuccino più buono che abbiamo mai provato
Collezioniamo esperienze
L’esperimento dell’oceano in bottiglia
Anna Paghera, essenze naturali estasianti
Little Pier, il concerto per bambini a Roma il 24 settembre
Quando l’estetica passa dalla natura
Gelato alle more
I bambini e l’apprendimento delle lingue
Gelatine di frutta con l'estrattore
Gelato al pistacchio

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter