Quali vestiti per il bebè?

È importante che i vestiti dei bimbi siano il più possibile "puliti" per quanto riguarda l'inquinamento sia dei componenti - tessuti e coloranti - sia dei detersivi usati per lavarli- 

Esistono in commercio vestiti ecologici. Si trovano nei negozi specifici e in siti internet specializzati.

Ecologici sono anche i vestiti riciclati: i molteplici lavaggi hanno già eliminato la tossicità dei tanti prodotti tossici usati per confezionarli.

Abbiate solo cura di lavarli un paio di volte se chi ve li ha prestati usa detersivi tradizionali, ammorbidenti e igienizzanti: usate la sola acqua per sciacquarli perfettamente dai residui nocivi.

Scegliete vestiti di fibre naturali, scartate quelli di filati sintetici, quelli con applicazioni di materiali sintetici o stampe di plastica. Più colori e più applicazioni sui vestiti significano più lavorazioni e più inquinamento.

Più il vestito è neutro, anche nel colore, meno è inquinato e inquinante.

Lavate comunque e sempre i vestitini un paio di volte prima di farli indossare al bimbo; idem per copertine, lenzuolini e tutti i tessuti nuovi con cui il bimbo viene a contatto.

Prediligete bodini fatti a kimono, così faremo meno fatica a infilare la sua testolina all'interno del buchino preposto (i neonati sembrano non apprezzare molto in quanto
probabilmente ricorda loro il trauma non ancora passato del passaggio attraverso il canale del parto).

Ti potrebbe interessare anche

Filobio presenta la nuova collezione a Parigi

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter