I giochi corporei tra fratelli

La sensualità, intesa come stimolazione e conoscenza dei propri cinque sensi, è un aspetto molto importante nella vita dei bambini, come in quella di tutti gli esseri umani, e in tutto questo il tatto ha certamente una posizione privilegiata. Attraverso il tatto il bambino scopre infatti il mondo, e attraverso il contatto, che è il tatto scambiato tra persone, percepisce l’altro, la sua tenerezza, l’amore e la bellezza dell’essere toccato e del toccare.

Per questo le coccole serali sin dai primi giorni sono un’abitudine bellissima, così come i giochi corporei, i massaggi e le carezze. Ma non solo tra mamma, papà e bambino: anche tra fratelli dovrebbe diventare naturale toccarsi giocando, per scoprire l’altro in tutto il suo essere.

I giochi corporei tra fratelli: perché il contatto è importante anche tra i fratelli e qualche gioco per stimolarlo

I bambini sono diversi tra loro, anche tra fratelli. C’è quello coccolone che vorrebbe sempre stare in braccio e ricevere grattini e c’è invece quello più schivo, sulle sue, che preferisce non essere toccato. Questo tuttavia è normale, è carattere, ma in generale è utile sapere che il contatto è sempre qualcosa di importantissimo nella vita: fa sentire amati, protetti, fa sentire la concretezza della propria esistenza. Per questo, in quantità che variano a seconda dell’indole del bambino, è sempre consigliato coccolare e farsi coccolare.

Detto questo, essendo i bambini esseri umani sensibili, e cioè che scoprono il mondo attraverso i loro sensi, è anche attraverso il tatto che scoprono l’altro, e non solo il genitore. Quando sono piccoli piccoli, e magari di età molto vicina, può essere che sperimentino da soli e spontaneamente il tatto, toccandosi tra loro, accarezzandosi e cercandosi con le mani. Mano a mano crescono, tuttavia, il toccarsi diviene forse più imbarazzante e meno naturale. Ma la voglia di toccare l’altro rimane sempre.

Un esempio? Le lotte. Soprattutto tra i maschi, che sentono come “debolezza” il cercare l’altro, la lotta è un gioco imprescindibile da cui passano, soprattutto con i fratelli, poiché permette loro di sfogare questa voglia di tatto mantenendo il senso di “machismo” e apparente distacco emotivo.

Il gioco della lotta è quindi il primo da incoraggiare. Non preoccupatevi, i bambini sanno anche come non farsi male, lottando senza esagerare. Si attorcigliano, si guardano, si tirano, si aggrovigliano. E si toccano, scoprendosi e riscoprendosi, conoscendosi a fondo e creando così un legame unico. A volte finisce in litigata, ma è normale: anche litigare e fare la pace è educativo! Solo così i bambini sperimentano da sé cosa significa scontrarsi, imparando come gestirsi per arrivare preparati all’età adulta.

Altro gioco che “permette” il tatto, prevedendolo in maniera quasi nascosta e quindi piacevole per i bambini proprio per questo (perché in questo modo, di nuovo, si sentono legittimati a toccare i fratelli, azione che altrimenti non vorrebbero farsi vedere a compiere) sono le canzoni e le filastrocche. Ballare insieme o seguire le istruzioni per toccare l’altro (come “La bella lavanderina”, oppure il “Tuca Tuca”, ma ce ne sono davvero milioni) è per loro divertente e anche curioso!

Infine, proponete il classico gioco del “dove ti ho toccato?”. I bambini si sdraiano a turno sul tappeto, quindi uno tocca l’altro in diverse parti del corpo. La spalla, la pancia, la pianta del piede, la mano... L’altro indovina dove è stato toccato, e via via che passa il tempo il tocco deve farsi più lieve e impercettibile, per far sì che il bambino debba impegnarsi a fondo ad ascoltare il tocco. E poi viceversa.

 

Mamma Pret a Porter non è una testata medica e le informazioni fornite hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale, esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di un pediatra (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, fisioterapisti, ecc.) abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non devono essere considerate come consiglio medico o legale.

 

Ti potrebbe interessare anche

Quando raccogliere soldi diventa un gioco da mamme
Vitamina D e bambini
Le canzoncine in inglese per bambini per imparare la lingua
Canzoncine, musica classica, pop: tutta la musica fa bene ai bambini
Mini-architetti e mini-designer: dalle Baby house a The Sims
Una guida alla mastoplastica riduttiva
Come usare la tajine
Il futon per bambini, quando cultura montessoriana e giapponese s’incontrano
Come tenere impegnati i bambini con i giochi sensoriali
Una nuova colazione a base di infuso di foglie di ulivo
L’importanza di un corretto sviluppo motorio
La musica illimitata, per vivere momenti di relax solo per noi

rassegna

Info

Chi siamo

Contatti

 

Collaborazioni

Sponsor e pubblicità

Giulia

giulia.jpg

Cecilia

Untitled_design-3.jpg

×
Newsletter