Non è mai troppo presto per prevenire i tumori

Prevenire è meglio che curare, lo sappiamo, ma ci impegniamo abbastanza per mettere in pratica questo principio o a volte la pigrizia e le abitudini radicate ci impediscono di provarci? Beh, è sempre meglio fermarsi a riflettere per capire che a volte piccoli cambiamenti nella nostra vita possono portare solo benefici e soprattutto spesso scongiurare terribili malattie.

Non è mai troppo presto per prevenire i tumori, e nemmeno troppo tardi: come piccoli gesti quotidiani sono un'ottima prevenzione anti-tumorale e perché è importante metterli in pratica.

Sul sito dell'AIRC, l'Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro, è presente un decalogo esaustivo e illuminante sugli stili di vita anti-tumore che sarebbe bene tutti mettessero in pratica.
Sostanzialmente, mantenendo delle buoni abitudini e cercando di limitare quelle più viziose e pericolose, le possibilità di ammalarsi di cancro possono calare drasticamente. Quindi perché non provarci, coinvolgendo tutta la famiglia, dai più piccoli ai più grandi?

Prima di tutto, l'attività fisica e il mantenimento di un buon indice di massa corporea sono essenziali. Per farlo, è bene prendersi qualche minuto (mezz'ora è ottimale) tutti i giorni per fare dello sport. Non solo: prendere le scale invece dell'ascensore, spostarsi a piedi o in bicicletta quando possibile, stare meno seduti in ufficio (andando dai colleghi invece che mandando mail), andare a ballare nel weekend, scegliere vacanze che prevedano escursioni o movimento sono tutte piccole scelte quotidiane che possono davvero cambiare la vita.
Ma la salute passa soprattutto attraverso le abitudini alimentari, e lo sappiamo bene.

In questo senso, la direzione da prendere è ben definita. Innanzitutto è bene limitare (non eliminare!) gli alimenti troppo calorici e gli zuccheri, ed evitare completamente le bevande gasate e zuccherate.
Scegliere sempre alimenti non raffinati sarebbe l'abitudine più buona da prendere, insieme alla scelta di consumare alimenti per lo più vegetali e non amidacei come le patate (tra frutta e verdura, sono raccomandate cinque porzioni al giorno).
La carne rossa, ormai è risaputo, andrebbe evitata (quindi carne suina, bovina ed ovina), o comunque limitata a 500 grammi a settimana. Da evitare assolutamente sono le carni conservate, come quelle in scatola o insaccate.
Anche il vino andrebbe evitato, o, se abituati, limitato a un bicchiere al giorno per le donne e due per gli uomini (idem per la birra e per i bicchierini di liquore o amaro).

Grande nemico dell'organismo, il sale dovrebbe essere off limits, e il suo consumo limitato a 5 grammi al giorno. Attenti quindi anche agli alimenti sotto sale: in questo caso la quantità aumenta pur non accorgendoci!
Una dieta varia ed equilibrata, infine, è quella più raccomandata. Variando e mescolando i cibi assunti durante la settimana l'organismo ha più possibilità di ricevere tutte le vitamine e i nutrienti. Quindi non fossilizzatevi su menù prestabiliti e sempre uguali a se stessi, ma variate, variate, variate!

E, voi mamme che allattate, assicuratevi di dare il seno al vostro bambino almeno per i primi sei mesi di vita. Farà bene ad entrambi!
E, non ultimo, i viziacci come il fumo, l'alcool, il troppo sole (i bambini mai, mai al sole per troppo tempo senza protezione, mi raccomando!), le droghe e il sesso non protetto e non coscienzioso sono assolutamente da eliminare dalla nostra vita.
Sono tutte cose che sappiamo, è vero. Ma è sempre bene ricordarle.

La redazione di mammapretaporter.it

Ti potrebbe interessare anche

Come inserire i legumi nella propria alimentazione, i tempi di cottura e ammollo
I Superfrutti Noberasco
I cibi che rafforzano il sistema immunitario dei bambini
Cosa sono i conservanti

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

rassegna